Nardò – Dopo il diploma, università o mondo del lavoro? E dopo la scuola dell’obbligo, quale istituto superiore frequentare? È il “domandone” che si pongono moltissime famiglie che hanno a che fare con figli che raggiungono le fasi cruciali del percorso scolastico. Una bussola ai maturandi la fornisce il liceo statale “Galilei” di via XX Settembre, presso il quale sono attivi i seguenti corsi: liceo scienze umane, liceo economico sociale, liceo scientifico, liceo delle scienze applicate (attivi nella sede associata di via Ferri), liceo classico e liceo linguistico (attivi nella sede centrale di via XX Settembre).

Il questionario e le risposte «Nel nostro Istituto – fa sapere il “Galilei” in una nota – due anni fa si è diffuso nelle ultime classi un questionario per capire le esigenze dei ragazzi al termine del percorso di studi. I risultati emersi mettono in luce soprattutto la grande voglia degli studenti di studiare, allargare i propri orizzonti e uscire vincenti dalle sfide lanciate dalla società ma contemporaneamente hanno le ali tarpate a causa della scarsa conoscenza dell’ordinamento universitario e del mercato del lavoro».

Alla luce di queste premesse, la scuola propone la sua risposta: «Il nostro Istituto ha pensato di fornire informazioni utili a chi aspira ad accedere al mondo universitario e al mondo del lavoro con proposte operative per l’anno scolastico in corso». Tre gli obiettivi prefissati a beneficio degli studenti a partire dalla divulgazione, nelle quarte e quinte classi, di informazioni sul mondo universitario (ordinamento, classi di laurea, Cfu, ecc.), a cura di due ex studentesse dell’istituto, le professioniste Serena (foto) e Alessandra Pagliula, entrambe di Nardò. Secondo e terzo obiettivo: far incontrare studenti e genitori sia con gli ex allievi del “Galilei” (che porteranno la testimonianza diretta dell’esperienza universitaria o lavorativa vissuta dopo il diploma) sia con personalità legate al mondo del lavoro. Coordinatori del progetto sono il professor Lucio Vernich (referente dell’istituto) e l’ingegner Pantaleone Pagliula, collaboratore esterno.

Pubblicità

Orientamento per chi “parte” ma anche per chi arriva: il “Vanoni” Anche gli altri due istituti superiori della città, il “Vanoni” di via Acquaviva e il “Moccia” di via Bonfante, pensano in questi giorni all’orientamento. In questo caso però si tratta di giornate rivolte ai potenziali studenti “in arrivo” dopo aver terminato quella dell’obbligo. Nel corso di diversi Open Day, il “Vanoni” presenterà la propria offerta formativa che oggi comprende piani di studio a indirizzo tecnico-economico e tecnologico, turistico, turistico-sportivo, liceo artistico e corsi serali. Questo il calendario di incontri aperti al pubblico: per l’istituto tecnico di via Acquaviva 10 gennaio (ore 17-19.30), 13 gennaio (9.30-12), 20 gennaio (18.30-20), 27 gennaio (9.30-12); per il liceo artistico di piazza San Domenico Open Day il 17 e 24 gennaio dalle 16 alle 18.

Il 17 tocca al “Moccia”. Dopo il primo incontro tenutosi il 14 dicembre scorso, all’insegna del motto “Costruisci con noi il tuo futuro!” giovedì 17 gennaio dalle 15.30 alle 19.30 si terrà il secondo “Moccia Day”, durante il quale l’istituto di via Bonfante presenterà i suoi corsi: servizi per la sanità e l’assistenza sociale; enogastronomia e ospitalità alberghiera; manutenzione e assistenza tecnica.

Pubblicità

Commenta la notizia!