Bray assessore a Cultura e Turismo in Puglia: “Occorre progettare sin da subito il futuro”

299
Massimo Bray

Il Governatore della mia Regione, Michele Emiliano, mi ha nominato assessore alla Cultura e al Turismo della Puglia. Confesso che, mentre mi comunicava la scelta al telefono, l’emozione mi ha fatto pensare a un’immagine di Vittorio Bodini: il “cielo invernale di zucchero azzurro”. Lo stesso che, nei nei prossimi giorni, potrò tornare a guardare!

Sotto quel cielo potrò rivisitare luoghi che ho amato e che non potrò mai dimenticare.

Terrò presenti gli insegnamenti delle persone che mi hanno formato. A molti di loro è andato subito il mio pensiero. E spero che avranno la pazienza di continuare a consigliarmi e a correggere i miei errori.

La Cultura e il Turismo sono da molti anni due temi importantissimi per la Puglia; credo che occorra ripartire da questa certezza il prima possibile, per sentirci una comunità coesa e per pensare insieme il nostro futuro e quello dei nostri figli.

Vorrei che l’esperienza che mi aspetta fosse uno sforzo, condiviso con tutti i cittadini pugliesi, per immaginare il modo migliore – rispettoso della storia e delle specificità – di valorizzare lo straordinario patrimonio che la nostra Terra possiede. Un patrimonio che occorre difendere e sentire davvero come qualcosa che appartiene a ognuno di noi. Il turismo sarà una leva importante per la crescita. Dovremo governarlo, immaginando un modello che garantisca gli investimenti, ma sia rispettoso del paesaggio.

Viviamo un momento difficile. Un momento in cui occorre essere responsabili: dobbiamo essere vicini a chi è più in difficoltà ma cominciare a progettare sin da subito il nostro futuro, dobbiamo fare ogni sforzo per tener vive le moltissime straordinarie professionalità che in questo momento rischiano di scomparire.

Abbiamo di fronte una grande opportunità: quella di misurarci con la potenzialità che deriva dalle scelte fatte in Europa (penso a NextGenerationEU) e che possono vedere la Puglia protagonista proprio nel mondo della Cultura e del Turismo.

Massimo Bray