Ugento – Nel match disputato domenica 10 novembre a Cave (Roma), il pugile ugentino Giuseppe Carafa ha perso ai punti contro Michael Magnesi, che si riconferma cintura nazionale dei pesi superpiuma. Una sconfitta che arriva però al termine di una gara spettacolare, in cui l’ugentino ha dato battaglia fino all’ultima ripresa.

“Carafa ha dimostrato maturità” – La corsa al titolo italiano si è fermata sui guantoni di Magnesi, un pugile imbattuto che ha difeso la cintura per la prima volta davanti al pubblico di casa. Carafa è stato guidato all’angolo dal maestro Francesco Stifani della BeBoxe ed è stato sostenuto per tutto l’arco del match da ben 67 salentini giunti sino a Cave per assistere alle gesta sul ring del pugile salentino. “È stato un grande match sia sotto l’aspetto tecnico e tattico, che sotto quello fisico, un match combattuto fino all’ultimo istante – spiega il tecnico Stifani, di Copertino. – Giuseppe ha dimostrato maturità e adesso possiamo dire che è veramente pronto a conquistare prossimamente la cintura. Vi erano dei punti interrogativi sulla resistenza, ma ha tenuto in maniera eccelsa. Sapevamo che non sarebbe stato semplice, ma eravamo convinti che avremmo dato filo da torcere, e così è stato. Ha perso in maniera dignitosa contro un atleta valido e per certi aspetti più preparato perché ha già combattuto sulla distanza delle 10 riprese, mentre per Carafa si è trattato della prima volta. Molti pensavano in una vittoria facile di Magnesi, ma i fatti hanno dimostrato il contrario”, conclude.

Pubblicità

Commenta la notizia!