Botti, tutto in un istante

1006

Casarano. «Attenti ai botti»: l’invito giunge dall’oratorio Anspi “San Giovanni Elemosiniere”, che, proprio per mettere in guardia i giovani sulla pericolosità dei fuochi d’artificio, prima delle feste natalizie ha organizzato un incontro di sensibilizzazione sul tema (all’interno dell’oratorio parrocchiale, nella foto) insieme agli artificieri del corpo dei Carabinieri.

L’evento di sensibilizzazione sulla pericolosità dei botti di Capodanno era rivolto in modo particolare, ma non solo, a giovani e giovanissimi. Gli uomini dell’Arma, ai quali è andato il ringraziamento degli organizzatori, hanno proiettato delle diapositive sugli effetti devastanti che i “botti” possono avere: si va da mutilazioni più o meno gravi sino, addirittura, alla morte.

I dati sono impietosi: negli ultimi vent’anni, ammontano a 17mila le persone mutilate a causa dei botti di Capodanno; di queste, 5mila sono state riconosciute come invalide, in quanto le mutilazioni riportate non sono attribuibili a proprie responsabilità. Oltre 2mila percepiscono una pensione d’invalidità per questo stesso motivo, mentre sono più di 30mila gli animali uccisi. Nell’ultimo anno i feriti sono stati 561, di cui oltre 70 bambini. Tra l’altro, a farne le spese sono spesso persone ignare che si trovano, loro malgrado, nel raggio di azione dei botti che, spesso, sono veri e propri ordigni rudimentali.

Pubblicità

AN

Pubblicità