Borracce a scuola, da Corsano l’esempio per ridurre il consumo di plastica

2442

Corsano – Seguendo l’esempio di Milano, è stato Corsano il primo Comune salentino a dire “stop alla plastica” donando 500 borracce agli studenti dell’Istituto comprensivo “Biagio Antonazzo”. Lo scopo è quello di salvaguardare l’ambiente riducendo l’utilizzo delle classiche bottigliette di plastica.

Il sindaco Biagio Raona

Nei giorni scorsi anche l’Amministrazione di Tricase ha deliberato un simile intervento. A Corsano l’iniziativa è partita dall’assessore alle Politiche scolastiche Antonella Nicolì e fatta propria dalla Giunta guidata dal sindaco Biagio Raona, che afferma: «Vogliamo dare un segnale che mostri come le azioni che salvano la nostra Terra si avviano dal piccolo dei territori per poi farne buone pratiche che si diffondono. Sta nascendo una nuova sensibilità per la difesa del pianeta che è trasversale e non conosce colori politici. È davvero bello e vorrei che Corsano rispondesse bene a queste aspettative».

L’assessore Antonella Nicolì

«Il tema della sostenibilità in generale e quello della diminuzione del consumo di plastica in particolare – aggiunge l’assessore Nicolì – sono ormai a pieno titolo al centro dell’attenzione della nostra società. Le istituzioni, anche quelle locali, hanno il dovere di agire con un’opera di sensibilizzazione per arginare i danni che l’utilizzo improprio e non sostenibile della plastica monouso comporta».