Bici veloci nel Parco naturale di Ugento, con la Marathon del Salento vince già la solidarietà

642

Torre San Giovanni (Marina di Ugento) – Sport e solidarietà a braccetto per l’ottava edizione della Marathon del Salento, organizzata dalla Mtb Casarano, che domenica 7 aprile si snoderà all’interno del Parco naturale regionale litorale di Ugento. All’appuntamento, inserito nel circuito “Trofeo dei parchi naturali” e “Prestigio” di Mtb Magazine (unica gara del Sud), sono attesi un migliaio di bikers provenienti da diverse regioni d’Italia.

Alle 9.45 è prevista la partenza presso la Pista Salentina di Torre San Giovanni dove ci sarà anche l’arrivo al termine del percorso nei territori di Ugento, Salve e Presicce. Sabato 6 aprile, dalle 15 alle 19, il ritiro dei pettorali e del pacco gara con espositori di prodotti tecnici, del territorio e attività di animazione per grandi e piccoli (per questi ultimi ci sarà anche la prova di abilità – gimkana).

La gara prevede la scelta tra due percorso: quello da 72 km della Marathon e quello da 43 della Granfondo. Tra la partenza e l’arrivo sono previsti vari momenti di spettacolo con musica, artisti di strada, stand tecnici e promozionali del territorio. Ci sarà la mostra di biciclette storiche curata da Paolo De Virgilio e lo spettacolo di bike trial con Marco Lacitignola. Al termine il  tradizionale pasta-party e le premiazioni.

Pubblicità

Quest’anno ci saranno anche i volontari dell’Associazione italiana per la lotta al neuroblastoma, la onlus nata nel 1993 presso l’ospedale “Gaslini” di Genova impegnata nella campagna di Pasqua “Cerco un uovo amico”. Alla gara parteciperà anche Rocco Mammoliti, calabrese di Rosarno, padre di Giuseppe, un bimbo di 4 anni scomparso nel 2015 a causa di un neuroblastoma, un tumore maligno spesso non riconosciuto ai primi sintomi. Lui, la moglie Rosetta e gli amici salentini Anna e Raffaele hanno allestito lo stand associativo per promuovere la raccolta fondi.

«Siamo entusiasti di accogliere i volontari e poter sostenere la ricerca. La Mtb Casarano – afferma l’organizzatore Luca Orsini – si basa sull’aiuto reciproco. Invitiamo tutti a trascorrere una giornata all’insegna dello sport e del divertimento dando una mano alla ricerca contro il Neuroblastoma” .

Pubblicità