Babbo Natale atteso al Comprensivo di Parabita con la sua slitta artigianale

2461
La dirigente Antonia Perrone

Parabita – Malgrado l’emergenza sanitaria, il Natale a Parabita avrà lo stesso un “sapore magico” grazie anche alle iniziative organizzate a scuola (nel rispetto delle norme anti-contagio).

È il “Comitato genitori” dell’Istituto comprensivo (dirigente Antonia Perrone) a proporre le giornate del 21 e 22 dicembre, con il patrocinio della Città delle Veneri. Il team che è stato rinnovato recentemente è supportato dal Consiglio d’istituto e da tutti i rappresentanti di classe dei genitori di ogni ordine e grado. Attualmente è presieduto da Cristina Melgiovanni e la affiancano nelle funzioni di vice Mimma Ria, la tesoriera Rosvita Grasso e il segretario Patrick Giaffreda.

Babbo Natale a scuola

Nella mattinata di lunedì 21, coloro che frequentano la scuola dell’infanzia di via Berta e via Monsignor Gaetano Fagiani, la primaria di via Roma e la secondaria di primo grado di viale Stazione, potranno assistere al passaggio di Babbo Natale dalle finestre dei loro plessi scolastici. In un clima festoso, l’uomo più amato dai piccini salirà sulla “sua” slitta artigianale che è stata fatta realizzare “ad hoc” e dalla strada saluterà tutti gli allievi.

Cristina Melgiovanni

 

Martedì 22, “Santa Claus” si recherà personalmente nelle sedi del Comprensivo parabitano. Sempre nel rispetto delle norme sulla sicurezza sanitaria, fermandosi sull’uscio della porta, consegnerà dei piccoli doni ad un referente scolastico, il quale provvederà a distribuirli agli studenti. «Ringraziamo gli artigiani e le attività commerciali – precisa la Melgiovanni – che hanno dato il loro contributo in termini di sponsor per l’organizzazione delle nostre iniziative».

Intanto, il “Comitato genitori” ha pure avviato la vendita natalizia dei biglietti “La felicità è un dono” (estrazione il prossimo 6 gennaio).  Una parte del ricavato sarà devoluta all’acquisto di strumentazioni mediche per favorire la cura dei piccoli ricoverati, presso uno dei nosocomi salentini.