Auto “no cost” con pubblicità e truffa presunta: scattano le denunce dei clienti

4829
Lecce, Tribunale

Lecce – Auto “no-cost” ma con truffa. Questo è quanto sostengono gli acquirenti di vetture “griffate” che pensando di risparmiare, o addirittura di non pagare, si trovano ora esposti con le scadenze delle finanziarie.

Ad essere stati truffati con questo sistema sarebbero in tanti in tutta Italia ed almeno una ventina in provincia di Lecce (anche di GallipoliNardòGalatonePorto Cesareo e Galatina), quanti cioè hanno dato mandato all’avvocato Roberto De Mitri Aymone per presentare querela in Procura. Si teme, tuttavia, che i truffati possano essere molti di più.

Il sistema

Le vittime sostengono di essere state indotte a sottoscrivere contratti di acquisto di autovetture con la garanzia del rimborso delle rate mensili in cambio dell’esposizione di marchi pubblicitari sulla carrozzeria delle stesse auto (pratica, tra l’altro, espressamente vietata dal Codice della strada).

Il sistema, ideato da una società con sede a Roma, avrebbe finito con il coinvolgere molti altri soggetti, tra concessionarie, mediatori e società finanziarie. Dinanzi a cospicue somme pagante in contanti quale anticipo, agli acquirenti sarebbe rimasta solo la promessa del rimborso delle rate, rimaste comunque da pagare. Resta anche da capire se corrisponde al vero il fatto che l’importo finanziato in molti casi finiva per essere maggiore del reale valore dell’auto acquistata.