Lecce – Prende il via la campagna di sensibilizzazione sullo scompenso cardiaco promossa dalla Asl Lecce nell’ambito delle Giornate Europee sull’importante tema di prevenzione. Visite gratuite e altri servizi sono in programma, a partire da giovedì 16 giugno e sino al 2 giugno presso gli ambulatori di Cardiologia dei Distretti e dei presidi ospedalieri.

Si inizia dal Distretto sanitario di Galatina, al piano terra di via Roma, il 16 maggio dalle 8.30 alle 12.30 per proseguire il giorno dopo a Nardò, dalle 9.30 alle 12, nella sede di via XXV Luglio (responsabile il dottor Giovanni Carlà) e pure a Campi Salentina (via Sandonaci sempre di mattina).

Lunedì 20 maggio la campagna di prevenzione farà tappa nell’ambulatorio di Cardiologia dell’ospedale “Ferrari” di Casarano, dalle 8.30 alle 13.30, con il dottor Donato Melissano e i suoi collaboratori, per informare sui corretti stili di vita, sui fattori di rischio nonché sulla comprensione e gestione della malattia. Il 23 sarà la volta dell’ospedale di Gallipoli, con i dottori Giancarlo Piccinni e Maria Francesca Piccinno, dalle 9 alle 13 presso la sala conferenze al secondo piano della torre A.

Pubblicità

Si proseguirà, sempre di mattina, il 27 presso gli ospedali di Scorrano, Copertino e Galatina e il distretto di Martano, il 30 di nuovo a Casarano ma al Distretto di via Spagna, l’1 giugno presso l’Open space di piazza Sant’Oronzo e pure presso l’Hotel Terminal sul lungomare di Leuca, per terminare il giorno dopo al distretto di Poggiardo.

Lo scompenso cardiaco è la prima causa di ospedalizzazione tra le persone con più di 65 anni e in provincia di Lecce sono circa 4.000 all’anno i ricoveri. La campagna di sensibilizzazione contro il cosiddetto “cuore stanco”  è stata presentata martedì scorso presso la sede della direzione generale della Asl a Lecce: i responsabili medici invitano ad ascoltare i segnali e a non sottovalutare i primi sintomi, ovvero affanno, gonfiore alle caviglie, aritmia, aumento del peso e anemizzazione. I consigli sono quelli di farsi visitare seguendo comunque corretti stili di vita, “cioè niente fumo, più movimento e meno chili”.

 

 

Pubblicità

Commenta la notizia!