Arriva un polo di istruzione tecnologica

1093

Parabita. «Il prossimo anno scolastico vedrà finalmente costituirsi a Gallipoli il polo d’istruzione tecnica: in un panorama che va arricchendosi di offerte formative, risaltava questa lacuna che ora sarà colmata»: il dirigente dell’Istituto d’istruzione superiore “Giannelli”, professor Cosimo Preite, già al momento dell’accorpamento con il “Leonardo da Vinci”, si era dato l’ambizioso obiettivo del rilancio della storica sede di Gallipoli che trova conferma con la nascita dell’Istituto tecnico.

Si affianca ai corsi professionali già attivi e rappresenta una nuova, più competitiva, attrazione per le iscrizioni.

La scelta di privilegiare il settore tecnologico, tra l’altro, è in piena sintonia con le richieste delle aziende italiane che richiedono circa 300mila diplomati tecnici all’anno, a fronte di un bacino di diplomati di circa la metà. Questo significa che chi si iscriverà agli istituti tecnici nei prossimi anni avrà buone prospettive di trovare lavoro, in tempi brevi, con un diploma immediatamente spendibile nell’ambito delle professioni tecniche. L’articolazione “Biotecnologie ambientali” è uno dei tre possibili percorsi per chi sceglie l’indirizzo “Chimica, materiali e biotecnologie”: si tratta di un percorso mirato ad approfondire le competenze relative alla gestione di progetti e attività nel rispetto delle norme di tutela ambientale.

Al termine del corso di studio lo studente ha davanti a sé  diverse opportunità in strutture pubbliche e private (come società per analisi o l’Arpa) oltre alla libera professione e all’accesso in tutte le facoltà universitarie. Per far conoscere agli studenti delle medie ed alle loro famiglie in nuovo percorso formativo, il “Giannelli” organizza l’”Open day” con le sedi di Gallipoli, Alezio e Parabita aperte domenica 17 febbraio dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19.