Arriva la Polizia e getta le dosi di cocaina nel bidone della differenziata: 43enne arrestato

686

Porto Cesareo – Alla vista della Polizia cerca di disfarsi della cocaina nel bidone della raccolta differenziata ma gli agenti vedono la scena e lo arrestano. In carcere a Lecce è finito il 43enne di Porto Cesareo Alessandro Carrozzo. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, nel tardo pomeriggio di ieri è stato notato dagli agenti del Commissariato di Nardò uscire ed entrare più volte dall’interno del proprio bar: i poliziotti sono intervenuti dopo lo scambio di un involucro “sospetto” tra il 43enne ed un uomo giunto nei pressi a bordo di un’autovettura.

Quest’ultimo è però riuscito a fuggire a bordo dell’auto a forte velocità facendo perdere le proprie tracce mentre Carrozzo ha cercato con una mossa fulminea di disfarsi dello stupefacente che aveva addosso gettandolo nel contenitore per la raccolta differenziata del vetro nei pressi dell’ingresso del bar.

Cocaina e soldi

Il contante sequestrato

Ma i poliziotti non solo hanno recuperato le 13 dosi di cocaina sigillate con cellophane trasparente bianco e chiuse con nastro adesivo che erano state gettate via, ma hanno anche trovato addosso all’uomo, all’interno della tasca del grembiule, la somma pari a 1.460 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio. Nel laboratorio retrostante il bancone del bar è stato, inoltre, rinvenuto un bilancino di precisione nascosto sotto il forno elettrico e, dietro i mini contenitori della raccolta differenziata, sono state recuperate tre bustine in cellophane trasparente, vuote, identiche a quelle rinvenute poco prima all’interno del carrellato del vetro.

Alla luce di quanto accertato, il 43enne è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e tradotto presso il carcere di Borgo San Nicola di Lecce a disposizione dell’autorità giudiziaria.