Andrano, aperto l’Anno dantesco, per i 700 anni dalla morte. Il programma

1971

Andrano – Il 2021 si è aperto ad Andrano nel segno della cultura in nome del padre Dante. Il 1° gennaio infatti, alle 17,  una diretta  streaming sul canale Facebook del Comune ha inaugurato l’Anno dantesco  dando il via a una serie di manifestazioni in cartellone che saranno svolte nel corso dell’intero anno  che segna i 700 anni dalla morte del Poeta. Naturalmente tutte le iniziative, finché durerà l’emergenza Covid, saranno realizzate in remoto.

L’incontro, realizzato dall’Amministrazione comunale con la collaborazione dello staff di “Ci vediamo in Biblioteca”, è riconosciuto dal “Comitato  nazionale per la celebrazione dei 700 Anni – Dante 2021”. Dopo i saluti  del Sindaco, Salvatore Musarò (foto), è intervenuto il presidente del Comitato tecnico-scientifico per le celebrazioni dantesche, prof. Marcello Aprile, docente dell’UniSalento. Successivamente, Gustavo D’Aversa  ha letto il primo Canto dell’”Inferno”. Ha chiuso la serata un concerto di antiche composizioni medievali del prof. Armando Cosimo Ciardo.

Il commento del Sindaco 

«Dante Alighieri è il Padre della nostra lingua – ha commentato il Sindaco  Musarò –  merita di essere celebrato degnamente. Abbiamo organizzato una serie di eventi molto interessanti e ci auguriamo che la cornice di pubblico, seppur da remoto, sarà ampia».

Da parte sua il consigliere delegato alla Cultura, Donato Accoto, ha augurato Buon Anno dantesco a tutti e ha aggiunto: «Ci stiamo lavorando da mesi: sarà un anno intenso dal punto di vista culturale. Non potevamo non dare il giusto spazio al Padre della nostra lingua e non partecipare con un nostro programma alle attività che in tutta Italia si stanno organizzando».