Ancora 24 casi nel Barese sui 41 totali: la preoccupazione nel capoluogo cresce. Due positivi nel Leccese. Muore dopo il rientro del figlio (scoperto positivo) dalla Germania

592

Gallipoli – Due i casi leccesi individuati tra i 3.651. Si tratta di una persona ritornata in Puglia dalla Romania e una dipendente delle Poste dell’ufficio di Vernole, domiciliata a Vernole ma residente in provincia di Bari. Ne ha dato notizia il Sindaco Francesco Leo con una dichiarazione su facebook: “Dopo un lungo periodo di assenza totale di casi positivi alla pandemia nel nostro comune, mi tocca, purtroppo, riportare l’ultimo flusso dei dati trasmesso dalla Prefettura di Lecce riferito al totale dei casi”.

Ma è Bari a preoccupare maggiormente: oggi altri 24 casi sui 41 totali, seguito da Foggia (4), Bat (7), Taranto (3) dove si è registrato anche un decesso. Si tratta di un 65enne di Massafra ricoverato al “Moscati” di Taranto. Era in ospedale dallo scorso 10 agosto in Terapia intensiva. Secondo i primi accertamenti, l’uomo sarebbe stato contagiato dal figlio tornato dalla Germania e del tutto senza sintomi da Covid. Il deceduto era afflitto da altre patologie. Sempre nel Tarantino è risultato negativo il neonato da madre positiva al coronavirus.

Ancora contagio da rientri 

Di rientri si parla anche nei nuovi contagiati di Bari dalla Sardegna (2), mentre il grosso dei contagii riguarda persone venute in contatto con altri contagiati attualmente in osservazione. Cinque casi sono affiorati nella fase di smistamento per entrare in ospedale. Sui sette della Bat, sei sono arrivati da vacanzieri che sono stati in Sardegna.

I numeri dei nuovi contagiati parlano di un raddoppio negli ultimi sette giorni e la settimana precedente: si è passati da 167 con l’infezione a 379 sempre su base regionale. Altri numeri forniscono un quadro dei controlli delle forze di polizia che comunque continuano. Tra periodo della chiusura e violazioni anche dopo quella fase, ne hanno fatto le spese oltre un centinaio di esercizi commerciali sanzionati, una cinquantina quello chiusi (dati Prefettura di Lecce).