Amministrative di primavera a Melissano, movimenti preelettorali

1550

municipio melissanoMELISSANO. Continuano a susseguirsi, con estrema rapidità, gli scenari politici pre-elettorali in vista delle consultazioni comunali della prossima primavera. I gruppi politici si sono già messi in moto e hanno cominciato a sondare il terreno ma anche a piantare dei paletti. La locale sezione del Partito democratico, affidata, pro tempore, ai “traghettatori” Matilde Surano, Gianni Piscopiello e Sergio Paladini – che hanno il compito di guidare il partito sino alle prossime elezioni comunali – ha sostanzialmente chiuso la porta ad una richiesta di dialogo proveniente da alcuni esponenti dell’attuale maggioranza.

Il sindaco Roberto Falconieri, gli assessori Giovanni Caputo, Cosimo Marino, Antonello Endemione e il consigliere Stefano Falconieri, nei giorni scorsi, avevano chiesto di avviare un percorso condiviso col Pd, ma abbastanza netta è stata la risposta dei tre coordinatori, che, pur dicendosi “disponibili” a qualsiasi incontro, con “lealtà” e “sincerità” hanno fatto presente che il giudizio del partito sulla politica amministrativa della Giunta Falconieri “è estremamente negativo”. La maggioranza, nei prossimi giorni, si riunirà per “fare la conta” tra gli attuali consiglieri ed assessori, utile ad avere un quadro preciso delle forze in campo su cui poter contare. È abbastanza plausibile che ci sarà una lista Falconieri anche nelle prossime elezioni, benché il primo cittadino non si possa candidare a sindaco.

Sull’altro fronte, il Pd ha avviato una serie d’incontri con gruppi politici e movimenti cittadini. L’idea attorno alla quale si sta lavorando è una lista unica che raccolga Progetto Melissano, il gruppo dell’ex vicesindaco Valeria Marra e quello coordinato da Davide Stamerra e che sia “propositiva per il futuro del paese e non un semplice schieramento contro qualcuno”. Ad ogni modo, la partita a scacchi è appena iniziata. Sono state fatte le prime mosse, sono stati posti per ora alcuni punti fermi, ma la campagna elettorale è lunga e non sempre tutto è prevedibile.