Amministrative Cutrofiano, sfida a 3: in corsa Masciullo, Donno e Melissano

1194

Cutrofiano – Entra nel vivo la campagna elettorale per le Amministrative a Cutrofiano. La città della ceramica (oggi guidata dal Commissario straordinario Beatrice Agata Mariano) torna alle urne per eleggere il Primo cittadino dopo le dimissioni anticipate di un anno del Sindaco uscente Oriele Rolli, giunto al suo secondo mandato e oggi in corsa per le regionali del prossimo settembre nella lista “Popolari con Emiliano”.

Dopo la presentazione delle liste, sono tre i candidati Sindaco a contendersi la fascia tricolore e a presentarsi alla cittadinanza con delle civiche.

I candidati Sindaco

Nicola Lillino Masciullo

A scendere in campo ci sono anche due docenti e due membri dell’Amministrazione uscente: il 60enne Nicola Lillino Masciullo (“Uniti per Cutrofiano”), vicesindaco e assessore alla Cultura, del centrodestra; e il 54enne centrista Santo Donno (“Cutrofiano città per tutti”), già presidente del Consiglio comunale.

In corsa poi il 55enne dottore agronomo Luigi Melissano (“Cutrofiano città futura”), funzionario della Regione Puglia che con il suo raggruppamento guarda a sinistra.

Le squadre

Santo Donno

A supporto di Masciullo si schierano Francesco Carbone, Elisabetta Parisi, Antonio Bandello, Maria Rosaria Lisi (detta “Rosy”), Francesco Geusa, Verdiana Santoro, Luigi Colì, Davide Mellone, Giovanni Russo, Ivana Vellone, Elena Ligori e Lucio Vergine.

Ad affiancare Donno, invece, l’ex Sindaco Oriele Lolli (detto “Lele”), Antonello Cesari, Simona Marchesini (in Scollato), Domenico Melissano (detto “Nico”), Luigi Santoro, Daniele Scrimieri, Federica Stefanizzi, Antonio Vantaggiato e i Consiglieri comunali uscenti Sara Maglio, Giovanni Perfetto, Pietro Bianco e Carmen Antonaci (quest’ultima ha anche ricoperto la delega di assessore ai Lavori pubblici).

Luigi Melissano

A comporre la squadra di Melissano ci sono Stefano Bandello, Alessandro Blanco, Vincenzo Congedo, Vito De Donatis, Cristina Martella (assessore uscente all’Urbanistica), Melania Miccoli, Valentina Negro, Aldo Tarantini (consigliere comunale e capogruppo uscente d’opposizione, in passato già Sindaco della città e consigliere provinciale), Maria Lucia Colì (anche lei già assessore dell’Amministrazione Tarantini), Chiara Vantaggiato, Giovanni Vantaggiato e Salvatore Vergine (detto “Dori”).