Ambiente e salute, un rapporto che può far molto male: a Lecce il 13mo corso della Lega anti tumori. In vista degli Stati generali 2020

1147

Gallipoli – Presentati questa mattina i primi Stati generali della prevenzione dei tumori nel Salento, l’iniziativa della Lilt (Lega italiana per la lotta ai tumori) della provincia di Lecce. Gli Stati generali si terranno nell’ottobre 2020 mentre nell’aula Y1 dell’Edificio Angelo Rizzo del Centro Ecotecne di Lecce sabato prossimo a partire dalle 9 si svolgerà il 13mo corso di aggiornamento “Ambiente e salute”.

“Vogliamo rivoluzionare la strategia di Prevenzione, abbattendo l’incidenza dei tumori e quindi riducendo le esposizioni della popolazione ai fattori di rischio”, ha affermato il dottor Giuseppe Serravezza, anima fondatrice della Lilt provinciale con sede a Casarano ed oggi direttore scientifico della Lega antitumori.

In campo anche gli studenti

A presentare gli Stati generali e il corso oltre a Serravezza, c’erano il Presidente della Provincia Stefano Minerva, il vice presidente di Lilt Lecce Antonio Micaglio, l’oncologo Carmine Cerullo, lo studente Andrea Menotti Musarò, in rappresentanza di un gruppo di giovani che segue da vicino le attività della Lilt, in particolare il progetto Geneo, varato per condurre ispezioni ambientali anche sotto suolo nei Comuni della provincia di Lecce.

Dice Andrea Menotti Musarò, studente al quarto anno dello “Stampacchia di Tricase, invitato dalla Lilt a partecipare agli Stati generali con un proprio intervento: “Mi sono avvicinato alla Lilt nel 2015, interessato dalla concretezza del progetto Geneo e dalla ricerca oncologica ambientale condotta in modo capillare. Poi ho partecipato ad alcune iniziative di volontariato, tra cui quella ad Andrano, il mio paese. Per il prossimo futuro andremo nelle scuole col dottor Serravezza: la prevenzione comincia dalla informazione”. La fase di preparazione e di avvicinamento agli Stati generali, già iniziata, durerà 14 mesi.

Alla fine un “Libro bianco” per i ministri interessati

Una vasta consultazione “Tutto il progetto è stato concepito sulla base di una grande consultazione che poggia su tre pilastri: 1) laboratori tematici curati da esperti su 10 temi; 2) consultazione pubblica sul web sui 10 temi; 3) mobilitazione dei giovani studenti”, spiegano i promotori. “Obiettivo primario – aggiungono – è quello di tracciare le grandi linee di una politica di prevenzione dei tumori esigente e concreta, centrata soprattutto sulla Prevenzione Primaria e la esposizione ambientale”.

L’insieme delle proposte toccherà tutti gli aspetti che riguardano i comportamenti individuali, l’ambiente, il mondo del lavoro e l’educazione. I documenti dei primi Stati generali della Prevenzione dei Tumori saranno raccolti nel “Libro Bianco”, che sarà consegnato alla fine ai Ministeri competenti.

 Il corso “Ambiente e Salute”, come al solito, si rivolge a dirigenti, docenti e referenti di Educazione alla Salute delle scuole di ogni ordine e grado della provincia, nonché ad Educatori in genere ed a tutti i cittadini. Quest’anno, per la prima volta, saranno coinvolte anche rappresentanze delle categorie produttive e degli Ordini professionali. Autorevoli relatori, come il prof. Silvio Garattini, e molti rappresentanti delle Istituzioni forniranno il loro qualificato contributo.

Lezione magistrale del presidente Garattini

Questo il programma: Lezione magistrale su “Il ruolo della Scienza (ignorata) in Italia” del prof. Silvio Garattini (nella foto), presidente Istituto “Mario Negri” di Milano); introduzione di Marianna Burlando, presidente della Lilt; saluti delle Autorità tra cui il presidente della Lilt pugliese, Francesco Schittulli e rappresentanti di Provincia e Comune di Lecce, Unisalento, Asl, Ordine dei medici.

Dopo la presentazione del progetto da parte del dottor Serravezza e del dottor Cerullo, entrambi della Lilt. Previsti gli interventi del mondo scolastico (Vincenzo Melilli, Ufficio scolastico provinciale), di Confindustria Lecce), degli  Ordini professionali (Claudio Cataldi per i commercialisti, Rosario Centonze per gli agronomi), del Terzo Settore (Marcello Seclì, Italia Nostra Sud Salento), della Formazione (Anna Trono, Università del Salento), della Comunicazione (Serena Fasiello, Ordine dei Giornalisti Regione Puglia). Il dibattito sarà coordinato dalla giornalista Tiziana Colluto.