Alliste, il Consigliere Alessio De Vitis lascia la maggioranza

3160
Alessio De Vitis

Alliste – Visioni differenti: si potrebbe sintetizzare così la decisione di Alessio De Vitis di lasciare la maggioranza guidata dal primo cittadino Renato Rizzo.

Con un post su Facebook il Consigliere comunale – subentrato in assise a seguito delle dimissioni di Antonio Ermenegildo Renna lo scorso dicembre – ha informato in merito alla scelta di abbandonare i banchi di maggioranza per un posto tra quelli di minoranza.

La decisione conseguenza di “provvedimenti non graditi”

De Vitis, titolare di importanti deleghe assegnategli da Rizzo lo scorso 15 gennaio come Lavori pubblici e Edilizia popolare – già rimesse nelle mani del Sindaco – ha maturato la decisione in seguito ad alcuni provvedimenti adottati in questi mesi dall’Amministrazione comunale. Provvedimenti che non sono piaciuti al giovane segretario cittadino della Lega e hanno contribuito ad alimentare alcuni attriti con diversi colleghi.

Riconosco di avere un’idea di amministrazione diversa – ha scritto De Vitis – fatta di un impegno diverso, un rigore diverso, un rispetto diverso. Non potrei mai biasimare un collega che si offre alla comunità in maniera del tutto disinteressata, non arriverei mai al punto di scrivere cattiverie sul suo conto e darle in pasto ai social. Né potrei mai avallare un comportamento simile, fatto da altri”.

Mosse in vista delle Amministrative?

Nel post De Vitis ha ringraziato il Sindaco Renato Rizzo – per il quale scrive di nutrire “profonda stima e profondo affetto” – formulando poi un pensiero per i propri sostenitori. L’augurio, per De Vitis, è che possano accogliere e comprendere la scelta la cui motivazione dovrebbe essere illustrata nel primo Consiglio comunale utile.

Nella seduta, inoltre, si dovrebbe ufficializzare il gruppo consiliare che il segretario cittadino del Carroccio inaugurerà, “Lega – Salvini Premier”. La mossa di De Vitis potrebbe essere la prima in vista delle elezioni amministrative che si terranno in paese il prossimo anno.

Mattia Chetta