Al via il bando Cuis, giovani studiosi al centro: a disposizione 120mila euro

1827
Il presidente della Provincia Stefano Minerva

Lecce – Approvato il bando per l’erogazione dei contributi per l’anno 2020 del Cuis (Consorzio universitario interprovinciale salentino): a disposizione fondi per un importo complessivo di 120mila euro.

Il bando finanzia progetti d’iniziativa locale da realizzare sul territorio delle province di Brindisi, Lecce e Taranto, d’intesa con Università del Salento, Accademia delle Belle Arti e Conservatorio di Lecce.

Come partecipare

Possono presentare progetti gli enti locali consorziati in regola con il pagamento delle quote associative del 2019, anche laddove si tratti di associazioni, raggruppamenti o Unioni di Comuni. In caso di raggruppamenti comprendenti enti non consorziati, questi dovranno allegare al progetto deliberazione di adesione al Consorzio. Ciascun ente può presentare o essere partner di un solo progetto. Non sono ammessi progetti presentati da enti già beneficiari nella precedente edizione del concorso.

Fra gli obiettivi del progetto c’è quello di sostenere i giovani studiosi salentini dell’Università del Salento, dell’Accademia di Belle Arti e del Conservatorio di Lecce: per questo motivo ogni progetto candidato (pena l’esclusione) deve prevedere la partecipazione di almeno un giovane studioso in possesso di laurea magistrale o titolo equipollente.

La domanda di finanziamento, da presentare in originale, su carta libera e firmata dal legale rappresentante del soggetto proponente o dell’ente capofila, va inviata a cuislecce@pec.it o consegnata a mano, presso gli uffici del Cuis, in un plico sigillato contenente l’indicazione “Progetto CUIS per il contributo 2020” e indirizzato alla Segreteria del Cuis, Via Umberto I, 13 (c/o Provincia di Lecce, Palazzo Celestini) 73100 Lecce. Il termine per la presentazione delle domande è fissato al 31 marzo 2021.

Minerva: “Investire su impegno ed eccellenza dei giovani”

Abbiamo tradotto in realtà la volontà di ripartire dai giovani salentini inserendo il requisito dell’obbligatorietà della partecipazione di almeno un giovane studioso”, commenta il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva.

Sono convinto che i progetti che arriveranno saranno l’occasione per investire sull’impegno e sull’eccellenza di tanti giovani e per valorizzare ulteriormente il territorio del Salento” conclude.