Al Museo Castromediano di Lecce nuova luce per la “Colonnina di Patù”

825

Patù – Un fascio di luce mette in risalto l’unico oggetto esposto al secondo livello del Museo Castromediano di Lecce riaperto al pubblico lo scorso 22 giugno: si tratta della “Colonnina di Patù”, sintesi della cultura messapica salentina. Per i 150 anni dalla sua fondazione, gli spazi del  Museo Castromediano sono stati restituiti al pubblico a seguito del restauro condotto dalla Regione Puglia, con la collaborazione del Teatro pubblico pugliese, del Consorzio regionale per le arti e la cultura e della Provincia

L’archeologia dei Messapi L’andar per mare, la lingua scritta e l’espressione del sacro sono i tre elementi che connotano l’antico popolo dei Messapi, antichi abitanti di questa terra. Sulla colonnina ritrovata a Patù, pochi graffi su un pezzo di pietra raffigurano alcune navi e una sequenza di lettere. Il richiamo è al mare, all’arrivo delle genti, alle religioni, ai miti e alla ricchezza che il territorio salentino conserva gelosamente. La colonnina entrerà a far parte della mostra espositiva del museo fondato dal filantropo Sigismondo Castromediano nel 1868.

Pubblicità