Al “Ferrari” di Casarano la ricerca del “tipo giusto” per aiutare Fabrizio (ed altri) nel trapianto di midollo osseo. Da Fabio De Luigi l’invito

1381

Casarano – Prosegue a tappe forzate la ricerca del “tipo giusto”, ovvero del donatore di midollo osseo compatibile per salvare la vita di un giovane ammalato di leucemia. La mobilitazione partita da Aradeo, e già accolta da Galatone, giunge ora a Casarano. L’invito ad aderire allo screening per la compatibilità della donazione (basta un prelievo di sangue), rivolto a giovani tra i 18 e i 35 anni, con almeno 50 chilogrammi di peso ed in buona salute, stavolta giunge dall’attore Fabio De Luigi, testimonial d’eccezione della campagna dell’Admo.

“#FabrizioperTutti#” è l’iniziativa promossa dall’Associazione donatori midollo osseo che si terrà domani, dalle 14.30 alle 18 presso il centro trasfusionale di Casarano (informazioni ai numeri 328/8644327 e 329/6574627). L’obiettivo è quello di trovare il donatore con le caratteristiche idonee per Fabrizio Arcuti, giovane artigiano di Aradeo che lo scorso agosto  ha scoperto di essere malato e di aver bisogno del trapianto di midollo osseo. Immediata è partita la campagna di solidarietà, grazie soprattutto alle sorelle Piera e Maria Neve. Intanto, grazie al tanto impegno profuso in questa campagna, l’Admo ha istituito  una nuova sede operativa ad Aradeo ed ha nominato Fabrizio nuovo referente Admo per la Puglia.

La campagna di screening

Nelle prime sei giornate di prelievi volontari effettuati da quando la campagna ha avuto il via, sono stati circa 400 ad aver aderito con un semplice prelievo del sangue per verificare la propria compatibilità con il giovane aradeino, che non è l’unico ad aver bisogno del “giusto” midollo osseo.

“Solo uno su centomila è compatibile con ognuno di noi. Si tratta solo di un semplice prelievo di sangue attraverso il quale si possono conoscere le caratteristiche genetiche del proprio midollo osseo ed entrare a far parte del Registro nazionale dei potenziali donatori», fanno sapere da Admo

Dopo l’appuntamento a Casarano, i promotori sono già attivi per organizzare alcune giornate anche  a Roma, con una data fissata per il 27 febbraio presso il “San Camillo Forlanini”.