Africani, “inviati” dei baresi

1944

IN EVIDENZA.Droga e alcol per i trasgressivi tra Gallipoli e le marine vicine a nord (Nardò) e a sud (Ugento). E tante patenti ritirate: ben oltre cento in due sole operazioni a fine luglio (58) e a fine agosto (75, con multe per 80mila euro). Nell’ambito dei compiti del “Patto per la sicurezza”, a poliziotti e carabinieri sono stati affidati compiti di ordine pubblico e non solo. I militi dell’Arma sono stati impegnati anche nel contrasto del cosiddetto “Binge drinking”, l’assunzione fuori controllo di più alcolici, nell’arco della stessa serata, spesso acquistati da negiozianti “distratti” davanti ad acquirenti evidentemente minorenni. Solo nella settimana “campione” di Ferragosto 31 sono state le violazioni in 49 controlli, con sanzioni amministrative per oltre 82mila euro. Nove sono stati i sequestri amministrativi portati a termine; In undici casi sanzioni per somministrazione di bevande oltre le 3 mentre in nove casi gli esercenti non erano in possesso dell’autorizzazione per l’esercizio del commercio in forma itinerante. Dieci gli arresti per spaccio di droga effettuati dalla polizia soltanto lungo la litoranea sud di Gallipoli, meta di nordafricani per lo più ingaggiati da baresi nel centro di accoglienza di Bari ed inviati in riva allo Jonio con le dosi già confezionate; «Arrivano la mattina con mezzi pubblici e ripartono la mattina successiva», racconta un agente.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Pubblicità
Pubblicità