Ad Otranto lo stesso dirigente di Santa Cesarea Terme. Prende corpo il Polo alberghiero dell’Adriatico

In vista un Istituto da 1.800 studenti

25325

Otranto – S’avvicinano i due Professionali indirizzo Alberghiero ubicati sulla costa adriatica. Dagli uffici del piano scolastico regionale è arrivata la nomina a reggente dell’Ipsseoa di Otranto del professore Paolo Aprile, il dirigente dell'”Aldo Moro” di Santa Cesarea Terme.

La nomina, che potrebbe apparire di routine sia per la vicinanza tra le due sedi che per la stessa specializzazione degli studi, in questo caso non lo è ed apre ad interessanti prospettive. È di appena sette mesi fa il piano di riorganizzazione scolastica varato dalla Regione e in quel documento si stabiliva il mantenimento dell’autonomia di Otranto, collegata all’Istituto professionale Poggiardo-Otranto.

Superato il “no” di Provincia e Regione

Il “no” della Provincia In quella sede – così come accaduto in dicembre col piano provinciale approvato da Palazzo dei celestini a Lecce – si respingeva l’ipotesi della fusione con l'”Aldo Moro” e ci si pronunciava a favore del “mantenimento della autonomia e identità”, come sottolineato dal Consiglio scolastico dell’istituto idruntino.

Adesso sul sito dell’Istituto professionale per i servizi enogastronomici e l’ospitalità alberghiera figura il dirigente Aprile, da sempre propugnatore di una unità ufficiale e operativa dei due istituti. “Ringrazio prima di tutto i miei predecessori di cui rispetto al massimo il lavoro svolto – dice da Santa Cesarea – e mi sento orgoglioso e onorato per l’attestazione ricevuta”.

Una comunità studentesca di quasi 1.800 ragazzi

Paolo Aprile
Paolo Aprile

Torna il progetto del Polo che raggrupperebbe in una unica realtà i due Alberghieri: l'”Aldo Moro” con 1.314 studenti sparsi tra una sede centrale e tre periferiche, e l’Ipsseoa di Otranto con 471 (in calo rispetto ai precedenti 625).

Lo ribadisce il prof. Aprile: “In previsione di una razionalizzazione della rete scolastica – dice – si pone la possibilità di creare un grande Istituto Alberghiero dell’Adriatico. Con vantaggi per tutti”. Sarebbe anche il primo Istituto del settore in Puglia.