Ad Alezio deleghe tutte “rosa” in Consiglio. Confermati i tagli alle indennità fatti nel 2008

2015

Alezio – Nuove deleghe (tutte “rosa”) per i consiglieri comunali di maggioranza. Il Primo cittadino Andrea Barone ha, infatti, inteso attribuire “funzioni collaborative” a tre consiglieri della civica “Grande Alezio”, “per dare maggiore efficacia all’attività politica e amministrativa”. A Teresina Perrone va l’incarico di collaborazione sulle tematiche relative a turismo e marketing territoriale (così come nella sua precedente esperienza politica a Gallipoli, durante l’amministrazione Francesco Errico); Fabiana Longo si occuperà di biblioteca, patrimonio culturale e innovazione tecnologica; a Roberta Toscano va, invece, la delega ai rapporti con gli Enti scolastici e di formazione. Le tre consigliere coadiuveranno il Sindaco nell’esame e nello studio di argomenti e problemi specifici, formulando osservazioni e proposte.

Nel corso del primo, affollato, Consiglio comunale è stata presentata la nuova Giunta e nominato come presidente dell’Assise Gabriele Bottazzo (“Grande Alezio”). Assieme all’impegno accanto alla mobilitazione “No cava”, la nuova Amministrazione punta sui temi della sicurezza e del contrasto ai fenomeni di criminalità: la Giunta ha già approvato il progetto “L’occhio sulla città”, richiedendo l’ammissione ai finanziamenti previsti dalla legge 48 del 2017 finalizzati all’istallazione di un sistema di videosorveglianza integrata, per un importo complessivo di 900mila euro.

Intanto l’Amministrazione Barone, tramite delibera di Giunta, ha determinato le indennità spettanti ai componenti dell’esecutivo confermando la scelta dei propri predecessori. Gli importi di indennità mensile saranno di 1.000 euro per il Sindaco e 397,79 euro per il suo vice. Agli assessori spetteranno, invece, 368,02 euro mensili. «Siamo felici di constatare – fanno sapere da “Uniti per Alezio”, lista del sindaco uscente e in lizza alle elezioni dello scorso 10 giugno con Paola De Mitri – che l’attuale giunta ha confermato gli stessi importi stabiliti 10 anni fa, nel 2008, dall’Amministrazione Romano e ci si augura che tale scelta sia definitiva per tutto il mandato della Giunta stessa. Non sempre il cambiamento è necessario».