Accordo tra otto Comuni sulla ripartizione delle spese: può ripartire il Giudice di pace del mandamento di Tricase

722
Tricase – Tornerà a funzionare nel circondario di Tricase il Giudice di Pace, le cui funzioni erano state interrotte alcuni anni fa. Lo hanno deciso otto Amministrazioni comunali del Capo di Leuca che si faranno carico dei costi per il personale.
Hanno sottoscritto l’impegno il Sindaco di Tiggiano, Giacomo Cazzato, il Sindaco di Andrano Salvatore Musarò, il Sindaco di Montesano Salentino Giuseppe Maglie, il Vicesindaco di Castro Alberto Capraro, il Sindaco di Miggiano Michele Sperti, il commissario prefettizio di Specchia Claudio Sergi, l’Assessore Letizia per il Comune di Diso, oltre al Sindaco di Tricase Antonio De Donno.

Chiuso dal 2013

“Oggi è stata una giornata proficua – il commento di De Donno – per una istituzione da preservare e potenziare. La sussistenza nel nostro territorio di un’istituzione qualificante ed importante come il Giudice di Pace non può sistematicamente essere messa in discussione dalle difficoltà, benché oggettive, di garantire la presenza di personale qualificato da parte dei Comuni del mandamento”.
“Per troppi anni,  precisamente dal 2013 – aggiunge il Sindaco De Donno – si è andati avanti senza un atto formale che responsabilizzasse e vincolasse i Comuni alla gestione condivisa dei costi del personale. Oggi però, insieme e con ferrea volontà, otto Amministrazioni comunali hanno segnato un cambio di passo decisivo nella definitiva stabilizzazione di un’ Istituzione giudiziaria al servizio della comunità forense e dei cittadini del Sud Salento”.
Il capo dell’Amministrazione tricasina ha ringraziato per l’impegno necessario al raggiungimento dell’obiettivo, la presidente del Consiglio comunale Rosanna Zocco e il consigliere Ippazio Cazzato.