Abbandono di rifiuti: rilevati due casi in periferia di Nardò e alla Palude del Capitano . Multa da 600 euro a testa

306

Nardò – Seicento euro a testa per i due neretini che hanno abbandonato rifiuti racchiusi in sacchi di plastica in due distinte zone del territorio comunale: sulla strada Pantalei Tagliate, intersezione con via Pompiliano, e all’ingresso della Palude del Capitano. Sono stati gli ispettori ambientali che, dietro segnalazioni ricevute, hanno dapprima rinvenuto i sacchi e poi identificato i “proprietari”.

Una volta identificati gli aggressori dell’ordinanza numero 40 del febbraio scorso, da parte dei volontari, coordinati da Vanda Dolce, sono state messe in moto le procedure successive come indicato anche dal Testo unico ambientale). Per il divieto di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti  è stata comminata la sanzione prevista.

Particolare attenzione ai sacchi neri 

Il lavoro degli ispettori ambientali – si legge nella nota del Comune – prosegue senza sosta e nell’ultimo periodo è stata intensificata soprattutto l’attività di verifica dell’impiego dei sacchi neri per la raccolta differenziata dei rifiuti, che come noto è assolutamente vietato”.

Pubblicità

All’Aro 6 (capofila Nardò) alla ditta concessionaria “Bianco Igiene Ambientale” e alla Polizia locale, sono numerose le segnalazioni che giungono e che vengono “girate” agli ispettori ambientali. L’obiettivo rimane quello di “individuare e punire ogni atto e comportamento contrari alla difesa del suolo e del paesaggio e alla tutela dell’ambiente e di vigilare sul rispetto dei regolamenti comunali e delle ordinanze sindacali”

L’assessore Mino Natalizio 

“Serve molto impegno da parte nostra – dice l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio – e anche la collaborazione di tanti cittadini sensibili e civili che con le loro segnalazioni possono contribuire concretamente alla lotta agli incivili. Abbiamo tutti quanti il dovere assoluto di difendere l’ambiente che circonda. Questa piaga degli abbandoni è davvero avvilente”.

Gli indirizzi utili per le segnalazioni

Ci si può rivolgere con una lettera per posta elettronica isp.ambientalinardo@libero.it o compilando il modulo di segnalazione disponibile presso il Comando di Polizia locale di via Crispi. “Prossimamente fa sapere il Comune – gli ispettori ambientali avranno una sede nella quale gestiranno uno sportello per le informazioni e le segnalazioni”.

Contenitori al mercato settimanale Restando in tema, nei giorni scorsi gli ispettori, con la collaborazione di Bianco Igiene Ambientale, hanno distribuito i sacchi per la raccolta di rifiuti organici e indifferenziati agli operatori del mercato settimanale, in particolare agli operatori del settore alimentare.

Pubblicità