A Vitigliano (Santa Cesarea Terme) torna la fiera di Sant’Eligio, con la sagra del pisello secco

493
Luigi Martella, presidente del Circolo Vitigliano, con la zia Consiglia Martella

Vitigliano (Santa Cesarea Terme) – Per tre giorni, 29-30 novembre e 1 dicembre, nella sesta edizione della fiera di Sant’Eligio, promossa dal Circolo cittadino di Vitigliano e dal suo presidente Luigi Martella, il pisello secco (“cuciulo”, dalla cottura facile) sarà al centro dell’attenzione e del gusto.

Protagonista della fiera di Sant’Eligio, però, non sarà solo l’enogastronomia, nell’occasione con uno degli ingredienti più antichi e ricercati della cucina salentina: spazio anche alla tradizionale benedizione dei cavalli, agli approfondimenti storici e alla musica popolare. La fiera è patrocinata dalla Città di Santa Cesarea Terme, dall’Unione dei Comuni della costa orientale (Castro, Minervino di Lecce, Ortelle, Santa Cesarea Terme) e dal locale istituto alberghiero “Aldo Moro”.

Un convegno per aprire il programma

Si inizia venerdì 29 novembre alle 17,30 con un convegno sul tema “ La contea di Castro: la nuova dimensione politico-amministrativa delle nostre Comunità”. Si parte dal passato e dalla storia locale (Castro nel 682 fu eretta a diocesi e nel 1103, per volere della famiglia degli Altavilla, venne elevata al rango di contea), per arrivare a una proposta tesa a superare la crisi e le difficoltà delle piccole municipalità.

Pubblicità

Coordinerà i lavori lo storico locale Salvatore Coppola, di Diso. Il prof. Angelo Lazzari, di Castro, terrà invece una relazione sul percorso storico delle strutture amministrative della contea, e il prof. Luigino Sergio traccerà le linee di un possibile futuro delle comunità locali così come è avvenuto poco tempo fa per i Comuni di Acquarica del Capo e Presicce. Prevista la presenza del prof. Fabio Pollice, rettore dell’Università del Salento e professore ordinario di geografia economica.

Dipinto di Sant’Eligio nella chiesa dell’Addolorata di Vitigliano

Sagra e musica popolare sabato

Sabato 30 Novembre, in piazza IV Novembre, dalle ore 18 partirà la sagra del pisello secco di Vitigliano o “Piseddru cuciulu”, coltivato nelle campagne circostanti, riconosciuto dal Ministero delle Politiche agricole e inserito nell’elenco regionale dei prodotti agroalimentari tradizionali.

Accanto ai produttori agricoli ci saranno i professori e gli alunni dell’Istituto alberghiero “Moro” di Santa Cesarea, esperti nella preparazione di piatti tipici a base di legumi. Spazio, quindi, alla degustazione con la colonna sonora della musica popolare salentina del gruppo Carlo Canaglia ensamble.

La benedizione dei cavalli domenica

Domenica 1 dicembre, dalle ore 11, ci sarà la benedizione dei cavalli e degli animali nei pressi della cappella dell’Addolorata, che ha un altare dedicato a Sant’Eligio, patrono dei cavalli, dei contadini e degli orafi (fu infatti un abile cesellatore alla corte dei re merovingi in Francia), venerato nei paesi a tradizione agricola.

Cavalli in attesa della benedizione davanti alla cappella con l’altare di Sant’Eligio

Sant’Eligio (588-660), in seguito a un fatto prodigioso (aveva tagliato una zampa di un cavallo per poterla ferrare meglio e poi la rimise a posto) fu considerato protettore anche dei maniscalchi e dei sellai. Affreschi che lo raffigurano si trovano nella chiesa di Casaranello a Casarano, a Calimera, Muro, Tiggiano, Ruffano, Supersano, Nardò (chiesa del Carmine, navata sinistra). La benedizione dei cavalli recupera una tradizione trascurata da circa un secolo e mezzo.

 

Pubblicità