A Tricase un workshop sulle meduse: non sempre cattive, a volte buone anche da mangiare

1774
Antonella Leone
Antonella Leone

Tricase – Le meduse: opportunità o problema? Rifiuto o risorsa? È il tema del workshop in programma venerdì 10 maggio, dalle ore 9, presso l’Avamposto mare (sede periferica del Ciheam Bari), nel Porto Museo di Tricase.

L’evento è organizzato da Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche) e Ispa (Istituto di scienze delle produzioni alimentari), nell’ambito del progetto GoJelly, finanziato dall’Unione europea con l’obiettivo di cambiare la percezione negativa con cui di solito si pensa alle meduse.

Come usare le meduse. Questi organismi gelatinosi, notoriamente urticanti, possono infatti causare diversi problemi, sia ai bagnanti che alle aziende di acquacoltura e maricoltura, ad esempio bloccando i sistemi di raffreddamento delle centrali elettriche localizzate vicino alla costa. Le meduse, però, possono essere anche una risorsa e venir utilizzate come mangimi, fertilizzanti, filtri per le microplastiche, o addirittura finire sulle nostre tavole: “In alcune culture, come quella asiatica, le meduse sono già sul menù. Quando il prodotto finale sarà più vicino al gusto occidentale e sarà prodotto nel rispetto delle leggi europee sulla sicurezza alimentare, potrà essere favorevolmente accolto dai consumatori”, spiega Antonella Leone, ricercatrice del Cnr, Istituto di scienze delle produzioni alimentari di Lecce. In questa direzione si muovono le ricerche condotte dagli esperti del Cnr-Ispa, che verranno presentate nel corso dell’evento.

Pubblicità

Meduse nel piatto. Il workshop si chiuderà con uno showcooking a cura di SlowFood, che vedrà gli chef servire a tavola portate preparate con alcuni esemplari di meduse.

Pubblicità