A Tricase salta il Consiglio comunale e il Sindaco Chiuri perde un assessore

634

Tricase – Il Consiglio comunale salta per mancanza di numero legale e l’assessore Lino Peluso presenta al sindaco Carlo Chiuri le sue dimissioni: è quanto accaduto stamattina a Palazzo Gallone.

«Rassegno inderogabilmente le dimissioni dalla carica di assessore comunale che ho rivestito con entusiasmo e spirito di sacrificio e abnegazione dal 17 luglio 2017. Più volte – scrive Peluso, finora titolare delle deleghe allo sport, cultura, turismo, politiche giovanili e trasparenza  – sono stato tentato di fare questa scelta ma sono tornato sui miei passi perché, nonostante i tanti problemi, ho ritenuto opportuno andare avanti per il rispetto di chi, dandomi fiducia, mi ha dato la possibilità di rappresentarlo nelle istituzioni».

Il Sindaco Chiuri preannuncia un “incontro chiarificatore” 

Peluso non è tesserato ad alcun partito ed è stato eletto nella lista civica “Cambiamenti” che nel 2017 ha portato all’elezione a sindaco di Carlo Chiuri. «Soprattutto in questo ultimo periodo – spiega ancora Peluso – ho avuto l’impressione che qualcuno sia venuto meno il proprio ruolo di rappresentante istituzionale, giocando sul futuro e sul destino di Tricase».

Il sindaco Carlo Chiuri, intanto, ha preferito non commentare le dimissioni ma ha preannunciato, a breve, un “incontro chiarificatore”.

“Poca democrazia: l’ultimo Consiglio risale a dicembre”

Nunzio Dell'Abate
Nunzio Dell’Abate

Sul Consiglio comunale mancato e sulle dimissioni di Peluso, il consigliere di minoranza Nunzio Dell’Abate (foto) è intervenuto con un duro post su Facebook in cui  definisce quanto accaduto una “vergogna istituzionale”. «Quel che resta della maggioranza non si presentano ed il Consiglio comunale va deserto. Un’ora di attesa invano sulla piattaforma on line. L’ultimo Consiglio risale al 30 dicembre scorso, ormai resta ben poco di democrazia e partecipazione», tuona Dell’Abate che, nello stesso post, elogia Peluso, presente nell’aula virtuale del Consiglio comunale nonostante fosse diventato papà nella notte.