A Parabita niente aumenti alla mensa scolastica. Almeno per ora

540

Parabita – Più di 180 firme raccolte tra i genitori e il rincaro previsto per il servizio mensa nella scuola primaria di Parabita viene bloccato. Almeno fino a settembre, e dunque per l’anno scolastico in corso, il costo dei buoni pasto per bambini e famiglie rimarrà invariato, senza il discusso rincaro annunciato con l’inserimento della merenda e dei pasti biologici a filiera corta.

Una vittoria per il comitato genitori del Comprensivo che sin dall’inizio aveva cercato dei margini di mediazione per ridiscutere la delibera del 20 febbraio firmata dai commissari prefettizi dopo l’aggiudicazione della nuova gara d’appalto da parte dell’azienda Fenice di Galatone. Nello specifico, la retta quotidiana pagata dai genitori sarebbe passata dagli attuali 2,70 euro a 4,20 euro, con l’aggiunta di un contributo comunale di 1,77 euro a bambino.

«Siamo felici per quanto fatto – spiegano i genitori – perché questo risultato, seppur temporaneo, consente alle famiglie di avere più tempo per organizzarsi e valutare il servizio stesso, decidendo bene, conti alla mano, se aderire o meno. Abbiamo raccolto ben 180 firme per dare sostegno alla nostra causa, contenuta in un documento redatto tutti insieme dopo un’assemblea comune. Questo dimostra che la coesione porta buoni risultati». L’auspicio del comitato è che nei prossimi mesi si possa trovare anche il modo di differenziare il costo della mensa in base alle diverse face di reddito delle famiglie, come già previsto nel Comune di Matino.