A Leuca nuova area parcheggio “ecosostenibile” da 200 posti: dalla Regione ok al progetto da 1,5 milioni di euro

508
Leuca, il fotorendering della nuova area parcheggio

Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo) – Nuova area parcheggio in arrivo per decongestionare il sempre caotico traffico estivo di Leuca. Sarà ecosostenibile ed attrezzata per fungere da zona di interscambio tra il centro della marina, il santuario e l’abitato di Castrignano del Capo. Dalla Regione è appena arrivato l’ok al finanziamento da 1,4 milioni di euro nell’ambito delle risorse del “Patto per la Puglia” (fondi FSC 2014-2020) cui aggiungere  un cofinaziamento comunale da 100mila euro.

Per Leuca si tratta di una soluzione importante e attesa da anni per dare sfogo al gran numero di auto e altri veicoli che, soprattutto nel periodo estivo, la prendono d’assalto. La marina è, infatti, storicamente terra d’approdo e non di passaggio, vista la sua collocazione geografica che la vede protesa verso il mare quale estremo lembo di Puglia. Si punta, altresì, ad alleggerire il traffico nelle stradine del centro, dove le attuali area di sosta sono alquanto limitate.

La nuova area parcheggio

La nuova area (nei pressi del resort Messapia) prevede un raccordo con la strada statale 275, grazie ad una rotonda di smistamento, garantendo 183 posti auto, otto stalli per gli autobus e due terminali per le navette elettriche a ricarica solare. A regime si prevede la possibilità di prenotare una “bicicletta condivisa” grazie al servizio di bike sharing. Previsti anche i servizi igienici, un info point e un’area di attesa ombreggiata.

L’intera area sarà videosorvegliata e potrà funzionare autonomamente grazie agli accessi dotati di barre e sistema di rilevamento del veicolo e di colonna per il ritiro del tagliando identificativo della sosta, che potrà essere pure prenotata e pagata in modalità elettronica.

Soddisfazione viene espressa dall’Amministrazione guidata dal sindaco Santo Papa per un progetto risultato secondo nel Salento e quarto in Puglia, dopo Monopoli, Nardò e Laterza, “premiato in particolar modo per la sostenibilità ambientale della proposta, per il grado di potenziamento degli attrattori turistici e per la contribuzione alla diversificazione dei flussi turistici in un territorio a forte vocazione turistica orientato verso una gestione ecosostenibile del turismo”.