A “La Reggia” spuntano i dissuasori ed è subito polemica

3987

11061306_399104016942802_9159438610480987794_n1467305_399104010276136_759085222639268751_nGALATONE. Spuntano i dissuasori a “La Reggia”, il tratto di litoranea appartenente a Galatone, e scoppia la polemica. L’intervento deciso dall’Amministrazione comunale giunge, infatti, giusto a poche ore dall’inaugurazione del piccolo chiosco che da qualche anno anima le serate estive nell’unico tratto di litorale galateo. «Questa mattina presto ci siamo recati al chiosco per gli ultimi lavori prima dell’inaugurazione e appena arrivati abbiamo trovato i pinguini di cemento come sbarramento a tutti gli ingressi dell’area», scrivono su Facebook i gestori del locale “Kilometro Zero” precisando i vari problemi “logistici” connessi al provvedimento adottato. «Ogni anno puliamo tutta la scogliera gratuitamente, per il piacere di farlo e per il piacere di vivere quel luogo fantastico. Inutile spiegare che noi mettiamo, puliamo e paghiamo i bagni chimici per dare un servizio ai nostri clienti e a tutte le persone che vengono anche solo a fare un bagno al mare», fanno sapere dal locale confermando, al contempo, l’inaugurazione di stasera (“vi chiediamo, per quanto possibile, di non creare intralcio o pericolo in strada”). Non tarda ad arrivare la replica del sindaco Livio Nisi: «Nonostante l’ordinanza emessa sia di questa settimana, non dovrebbe essere una sorpresa per i titolari del “KilometroZero” perché sono stati avvisati già da un anno della chiusura dei parcheggi sulla costa. L’autorizzazione concessa loro anche quest’anno è un’eccezione, prima dell’attuazione del Piano Coste. Dobbiamo valorizzare il litorale e stiamo intervenendo in questa direzione».

Pubblicità