A Collepasso i 60 anni di sacerdozio di don Celestino, siciliano da sempre in paese

2312

Collepasso -Una comunità in festa quella di Collepasso, per i sessant’anni di sacerdozio di don Celestino Tedesco. La concelebrazione eucaristica, svoltasi domenica scorsa nella parrocchia della Matrice, è stata presieduta dall’arcivescovo della diocesi Otranto Donato Negro.

Don Celestino, 86enne nato a Catania, è stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1960 nella cattedrale idruntina. Dopo aver ricoperto il ruolo di segretario per volere dell’allora vescovo di Gallipoli, monsignor Pasquale Quaremba, l’anziano presule ha svolto diversi incarichi pastorali a Collepasso. Il 5 settembre 1962, ha iniziato il suo ministero presbiterale in chiesa Madre come viceparroco del compianto don Salvatore Miggiano. Nel dicembre 1984, in seguito all’istituzione della seconda parrocchia in città, fu nominato primo parroco a “Cristo Re dell’Universo”.

Nel dicembre 1990, dopo il ritiro di don Salvatore Miggiano, l’allora arcivescovo Vincenzo Franco lo ha incaricato come arciprete e parroco della “Natività di Maria Vergine” che ha retto sino al 2013. Lo scorso dicembre, il parroco emerito, a causa della prematura scomparsa di don Oronzo Orlando, è stato anche nominato amministratore apostolico della stessa Matrice.

«Hai conquistato il cuore di tanti giovani –  ha scritto il Sindaco Paolo Menozzi sul proprio profilo Facebook – che nel tempo hai spronato ed educato al rispetto di tutti, senza esclusioni per costruire una società migliore. Grazie di cuore e infiniti auguri per questo grande traguardo che siamo lieti e orgogliosi di condividere insieme con te, per quello che hai fatto e per quanto continuerai a fare per la comunità e per ciascuno di noi».