A Casarano le tracce profonde lasciate da don Antonio Minerba, nel ricordo dell’amico Lele

2683
Non si attenua il dolore per la recente scomparsa di don Antonio Minerba, il parroco di Alezio, originario di Aradeo, che ha lasciato tracce profonde anche a Casarano nei suoi anni alla guida della parrocchia del Sacro Cuore (che lo ha ricordato nell’imminenza della morte). A ricordarlo ora è Emanuele Ungherese, per tutti Lele, anima della Compagnia Musicante e artefice di tante iniziative di solidali, tra le quale U Santu Lazzaru e la tenda della Solidarietà, sempre affiancato e incoraggiato da don Antonio. Ecco cosa scrive Lele Ungherese.
Don Antonio Minerba….un prete che fa il prete?…..un uomo coerente?….un amico?…..un consigliere?…..chi è il mio Amico Antonio Minerba?…..Il mio Amico sacerdote Antonio Minerba è un uomo che, come faceva con tutti, mi chiamava per chiedermi dove fossi finito e perchè non mi vedeva da qualche giorno….il mio Amico Antonio Minerba è quel sacerdote che faceva entrare gli Ultrà nella casa di Gesù con le bandiere…..il mio Amico è quello che non si può fare a meno di aiutare quando lo si vede trasportare le assi del palco di pomeriggio sotto al sole….il mio Amico Antonio Minerba passa dalle case della gente per portare viveri che acquista con i propri soldi….è l’uomo che non perde occasione per far visita a chi è ricoverato anche in un ospedale lontano….è quello che non trascura mai nessuno….è quello che va in giro con le scarpe bucate e con la macchina scassata….il mio Amico sacerdote don Antonio Minerba è quel pastore che come dice Papa francesco puzza di pecora…perchè don Antonio è sempre tra la sua gente…perchè don Antonio fa finta di non ascoltare e poi ti chiama…perchè don Antonio ha una parola per tutti.
Chi è dunque il mio Amico don Antonio Minerba?
Don Antonio è un uomo che ho avuto l’onore di conoscere e col quale ho avuto l’onore di percorrere un pezzo di strada.
Don Antonio è un sacerdote che ha letteralmente donato il cuore, facendolo esplodere d’Amore, che mi rende orgoglioso di essere cristiano.
Don Antonio è uno di quei Santi che forse non troveremo nel calendario, ma che sono tra le braccia di Dio.
Ed io ti voglio salutare così Amico mio, triste perchè non mi dirai la vigilia di Natale che mi sto facendo vecchio e ricordandomi che la veglia è alle 23.15……ma felice, perchè sei dove volevi andare.
Prega per tutti noi Amico mio.
Lele