Da Sant’Isidoro di Nardò alle isole di Porto Cesareo: ripuliti fondali, spiagge e pinete col progetto Ue “Clean Sea Life”

1232

Porto Cesareo – Si è svolta oggi come previsto dal programma “Clean Sea Life”, la giornata dedicata dalla pulizia straordinaria dei fondali e dell’ambiente marino.  La seconda edizione dell’evento “A pesca di rifiuti”, ultimata con una raccolta davvero straordinaria (anche con notevole preoccupazione per l’incuria di tanta gente verso la natura) di rifiuti di ogni genere. L’iniziativa di sensibilizzazione e protezione del mare si è svolta con le stesse modalità dello scorso anno: la pulizia della costa con pescatori sportivi, associazioni e liberi cittadini e la pulizia dei fondali marini con esperti sommozzatori ed apneisti dalle 9 alle 13 in località Santo Isidoro di Nardò, Isola dei Conigli e isole minori di Porto Cesareo. L’evento rientra nel progetto europeo della Direttiva del 17 giugno 2008 sulla Strategia per l’ambiente marino (la cosiddetta Marine Strategy).

L’Area marina protetta di Porto Cesareo ha subito aderito al progetto “Clean Sea LIfe”, cofinanziato dall’Unione Europea, nell’ambito del programma “Life” di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti marini), in collaborazione con i Comuni di Porto Cesareo e Nardò e con il supporto della Capitaneria di Porto – Guardia costiera di Gallipoli, Ufficio locale marittimo di Porto Cesareo ed Ecotecnica, ha organizzato un doppio appuntamento

La prima attività del programma ha avuto il seminario/breaking dal titolo “Il Problema dei rifiuti in mare” l’11 maggio nel pomeriggio, nel Museo di biologia marina di Porto Cesareo.