1058

vignetta-giornaleGALLIPOLI. Per il progetto di alternanza scuola-lavoro, il gruppo di marketing editoriale si è occupato della promozione (vendita e raccolta commenti e dati) di alcune copie di “Piazzasalento”, giornale periodico cartaceo e online edito a Gallipoli e che si occupa di cronaca locale sui paesi dell’arco jonico. I risultati ottenuti con questo tipo di marketing editoriale sono stati diversi e, complessivamente, incoraggianti. Divisi in tre gruppi per un totale di 15-18 persone in un fine settimana, il gruppo ha operato su corso Roma, due supermercati nei pressi del cimitero di via Taviano, il centro storico. Il maggiore riscontro si è avuto nel borgo antico, grazie anche ad una maggiore presenza di passanti. In sole due ore sono state acquistate 35 copie. Il dato finale dei diversi gruppi operanti sul territorio ha portato a un totale di oltre 100 copie, ma va considerato che i contatti avuti con le persone sono almeno da moltiplicare per tre. “Ma come, non era gratuito?”, è stato il commento più frequente, tra l’incredulo e il sarcastico. Si è comunque registrato un interesse verso il giornale ormai ben conosciuto: “Il giornale è interessante e formativo – hanno affermato alcuni intervistati – poiché affronta tematiche relative al nostro territorio”. Altri in generale ritengono che sia comunque utile informarsi e leggerlo con un interesse particolare. Il costo della copia, come detto, è stato al centro di diversi appunti; per alcuni è stato controproducente questo radicale cambiamento che lo ha portato ad essere fruibile solo nelle edicole mentre in precedenza aveva una diffusione molto più capillare. Ma nonostante ciò, non è mancato chi ha accettato di acquistare il giornale persino come un “ringraziamento alla redazione” che lo ha prodotto e diffuso gratuitamente per cinque anni. “No, non mi serve, non ho tempo per leggere”, è stata la sbrigativa risposta di passanti frettolosi. Altri hanno manifestato la propria preferenza verso il web come strumento per tenersi informati. Altri ancora hanno sostenuto che preferirebbero meno articoli di cronaca e più di opinione “per condividere idee e pensieri”. Ripetendo più volte questa esperienza e attuando diversi metodi, si è giunti alla conclusione che per ricevere maggiore attenzione dai potenziali acquirenti è più opportuno operare in gruppi di massimo tre persone in modo da non creare confusione nell’interlocutore. Potrebbe essere evitata l’attività presso supermercati o luoghi commerciali frequentati da gente già impegnata a fare commissioni o acquisti. Per un maggiore riscontro, probabilmente anche crescente, converrebbe concentrare la promozione del prodotto giornale durante il weekend o il giorno di uscita (ogni due giovedì).

Giulia Esposito, Francesca Giorgino, Gaia Manco Biagio Mele, Veronica Vincenti, Matteo Barone, Nicolò Molle, Giacomo Caputo