Zio e nipote, ci fu abuso?

di -
0 838

La caserma de carabinieri di Matino

Matino. Un caso di presunta violenza sessuale – di zio su nipote minorenne – sta turbando il paese, anche in considerazione della controversa ricostruzione dei fatti. «State attenti agli zii», pare fosse solito dire di recente il 14enne al centro di questa storia, una frase certo generica che però, nel contesto che si è venuto delineando dopo che il ragazzo ha deciso di raccontare quanto accaduto secondo lui, ha assunto un ben determinato significato.

In due episodi – nel giugno dell’anno scorso ed il 26 marzo di quest’anno – il ragazzo avrebbe subito attenzioni ed atti sessuali dal fratello della madre in casa di lui: è quanto avrebbe raccontato a scuola quando ha trovato la forza di confidarsi con la sua docente di matematica. La professoressa sotto il peso di un simile dramma – anche se ancora da provare senza ombra di dubbio – avrebbe coinvolto la dirigente scolastica e per questa via il caso sarebbe arrivato ai magistrati della Procura di Lecce.

Fatti alcuni accertamenti e sentito il ragazzo in presenza di una psicologa (che ne ha accertato l’idoneità a testimoniare), il sostituto procuratore Carmen Ruggiero ha proceduto. Il giudice per le indagini preliminari, Ines Casciaro, ha accolto la richieste del magistrato ed ha emesso l’ordinanza di arresto dello zio, un 41enne del posto. Il 5 luglio l’uomo è stato prelevato dai carabinieri di Matino e , dopo le formalità di questi casi, portato nel carcere di borgo San Nicola a Lecce.

Quando l’accusato del turpe delitto è comparso davanti al gip Casciaro assistito dall’avvocato Antnio Romano, ha respinto qualsiasi addebito ed ha spiegato quanto accaduto: «Mio nipote ce l’ha con me perchè l’ho rimproverato quando l’ho visto fumare», avrebbe detto l’uomo che avrebbe anche sottolineato che pure di recente il ragazzo era andato regolarmente a trovarlo in casa. Insomma, una ritorsione sarebbe alla base delle accuse del giovane, che invece si è detto anche minacciato dallo zio qualora avesse parlato in giro dei loro rapporti.

I carabinieri di Matino stanno portando avanti degli accertamenti chiesti dal magistrato, al quale spetta il delicato compito di trovare la verità.

Commenta la notizia!