William ricordato da tutti gli amici. Così si continua a vivere per sempre

by -
0 1286

Leda Schirinzi Ingrosso e l'ex sindaco di Casarano Remigio Venuti

Mancaversa. Piazza Sant’Anna a Mancaversa è stata testimone, il 30 agosto scorso, della serata dedicata alla memoria di William Ingrosso, medico nativo di Taviano e sindaco di Casarano dal dicembre 1994 al 2 febbraio 1999, giorno della sua tragica scomparsa.

Come ricordano in tanti, avendo fatto scalpore anche la modalità assurda di quella morte prematura, Ingrosso fu travolto dalla propria macchina (parcheggiata in “folle” e senza aver azionato il freno a mano su di una strada in pendenza) mentre si apprestava a scendere gli scalini che lo avrebbero condotto alla residenza del cavaliere Antonio Filograna, bisognoso di cure per via di una banale influenza.

A fare gli onori di casa, Leda Schirinzi, vedova Ingrosso, e Gianni Bellisario, ex assessore alla Cultura della Giunta comunale da lui presieduta.

Si sono ripercorsi gli eventi dell’estate del 1982, periodo in cui nacque l’idea di un salotto culturale, la “Casa dei sogni”, che si sviluppò in uno studio di architetti sito in via Pilo a Casarano.

“La Casa dei sogni” è anche il titolo del libro scritto da Leda Schirinzi, i cui proventi finanzieranno alcune missioni umanitarie in Kenia e Burkina Faso.

Per ricordare la figura di William Ingrosso, che di quei sogni in buona parte si nutrì, sono intervenuti Giuseppe Garzia, presidente del Lions Club International di Casarano, le attrici dell’associazione “Cantine teatrali” di Casarano che hanno declamato alcune poesie, la poetessa Gabriella Marrella e l’onorevole Lorenzo Ria, che, tra l’altro, ha ricordato come l’amico d’infanzia non perdesse mai la calma, nemmeno nelle situazioni più difficili “e persino quando giocava a pallavolo”.

Poi è stata la volta dell’ex assessore ai Servizi sociali, Francesco Capezza, quindi l’intervento dell’ex sindaco di Casarano, Remigio Venuti, allora vice di Ingrosso, che ha ricordato gli attentati incendiari alle auto della famiglia Ingrosso e l’ambiziosa idea del compianto medico di trasformare il Salento in un parco all’aperto. Seduti tra il pubblico, alcuni ospiti giunti direttamente dal “Centro aperto polivalente per anziani” di Casarano, istituito dalla  Giunta Ingrosso.

A fine manifestazione, Leda Schirinzi ha parlato di una «magnifica serata». Il “Sindaco buono”, come fu definito Ingrosso, è ancora amato da tantissime persone.

Marco Montagna

Commenta la notizia!