«Vogliono venire in tanti, i trasporti sono da ostacolo»

di -
0 510

Gallipoli. Più che un viaggio lungo un sogno, arrivare a fare una vacanza nel Salento diventa, molto spesso, una corsa ad ostacoli. Proprio per il viaggio.

Collegamenti che non ci sono, società di trasporti che non rispettano gli orari e non comunicano le eventuali variazioni con la dovuta celerità, informazioni che in genere mancano. Tempi lunghissimi per attraversare un tratto di strada che potrebbe essere percorsa tranquillamente e celermente.

Gli operatori turistici, quest’anno più che mai, hanno riscontrato un aumento dei flussi turistici provenienti dal Nord Italia e soprattutto dall’estero.

«La maggior parte di turisti sono italiani, prenotano su internet – fanno sapere dall’agenzia Carlino turist – molti stranieri, vengono dalla Repubblica Ceca, ad esempio, o dall’Irlanda. Si spostano grazie ai voli economici».

Complice l’appeal della zona e soprattutto i voli a basso costo proposti da alcune compagnie aeree. «I turisti sono arrivati già da giugno, i nostri principali clienti vengono dalla Lombardia – afferma la responsabile al desk del Villaggio dei Pini, in località Padula Bianca -. Negli ultimi anni, la maggior parte di loro si sposta in aereo. Prima lamentela: arrivati Brindisi, si bloccano». Inizia poi il lungo calvario per arrivare a Gallipoli. Per chi non vuole scegliere un autonoleggio o un taxi e continuare il proprio viaggio con i trasporti pubblici, può scegliere il treno, ad esempio.

Dal “Papola Casale” c’è il servizio navetta che porta alla stazione. I treni, delle Ferrovie dello Stato, che collegano le due città ci sono quasi ogni mezz’ora. Da Lecce a Gallipoli, si devono fari i conti con le “Ferrovie del Sud Est”: treni ogni due ore circa, per un viaggio che dura un’ora. Se tutto va bene. A parte i ritardi e i guasti alle macchine che possono capitare nel bel mezzo del viaggio, a sconvolgere i turisti, spesso è anche la scortesia del personale nelle biglietterie soprattutto.

«Il Salento piace – dice il proprietario del b&b “Le tre terrazze”, ma i clienti che ho avuto so sono lamentati dei trasporti». Spesso risulta difficile spostarsi anche a Gallipoli stesso. «Abbiamo fatto più volte presente all’amministrazione che avevamo bisogno di un pullman che collegasse questa zona con il centro – continuano dal Villaggio dei pini – qui siamo isolati, ma non si è mai fatto nulla per risolvere il disagio».

Per spostarsi all’interno della provincia il servizio su rotaie è integrato da quello su gomma, con i pullman di “Salento in bus”, il programma della Provincia di Lecce per facilitare gli spostamenti. Nove linee che però non risolvono del tutto i problemi. Spesso i turisti vengono abbandonati a se stessi, con tutte le valigie.

IL

Commenta la notizia!