La Virtus volley riparte con Serra, Luceri e D’Urso

di -
0 753

Il coach Sirio Nicolazzo

Taviano. Sta per iniziare una nuova stagione agonistica per l’associazione sportiva dilettantistica, Virtus Taviano Volley, che, a giugno, ha visto infrangere il sogno di passare in B2 perdendo ai play off contro la squadra barese di Palo del Colle.

Alla fine del mese di agosto riprendono gli allenamenti nella struttura “Campo di cross-corsa campestre” di Parabita, per almeno due settimane, per poi passare nel palazzetto “William Ingrosso” a Taviano.

Nel mentre fervono i preparativi anche per il team dei più giovani, è stato confermato il tecnico ugentino, Sirio Nicolazzo, da dicembre scorso in forza alla squadra tavianese.

«È un tecnico bravo e preparato – assicura Andrea Cacciatore, vicepresidente vicario ma anima della squadra di volley – che sa infondere nei ragazzi le giuste motivazioni tecniche per affrontare al meglio gli avversari. A campionato iniziato, l’anno scorso, ha saputo guidare la squadra in C con ottimi risultati. Sono convinto che quest’anno saprà fare ancora meglio».

Veniamo ai nuovi acquisti. Le stelle sono Marco Serra, centrale prelevato dall’Ugento che ha militato in B2, e l’ala dello Squinzano, sempre B2, Fabio Giorlando. Si è anche provveduto all’acquisto di un palleggiatore dalle buone qualità come Asclepio Nicolazzo, astro del Ruffano in C, e del libero, Roberto D’Urso, vero mattatore dell’Alessano in B2.

È arrivato anche, nel ruolo di centrale, Manuele Luceri , che l’anno scorso ha vestito la casacca del Galatina in B2. Conferme scontate per l’opposto di Martano, Andrea Calò e, per il ruolo di ala, Andrea Nobile.

In panchina la squadra ha preferito tenere il trentenne Luigi Grimaldi e ha richiamato allo sport agonistico quel campione di Toni Legittimo, 47 anni all’anagrafe, ma giovane e pimpante come un ragazzino alle prime armi.
È rientrato in squadra anche Massimo D’Ambrosio, dopo un anno sabbatico per questioni di lavoro fuori provincia e presi pure due giovani dal Casarano, Francesco Melegari e Fabio Colazzo.

RP

Commenta la notizia!