Vignacastrisi e Ortelle fra le tappe della Summer School che mette al centro il territorio

Vignacastrisi-Ortelle – Conoscere il territorio, difenderlo e valorizzarlo, con il coinvolgimento della comunità: farà tappa anche a Vignacastrisi e Ortelle la settima edizione della Summer School di Arti Performative e Community Care, che parte sabato 1 settembre a San Cesario di Lecce e prosegue fino all’8 del mese. Tema di quest’anno sono “Gli spiriti del Salento. Patrimoni industriali e paesaggi rurali tra memorie e progettazione sociale”.

Organizzata dalla spin off Espéro dell’Università del Salento all’interno del progetto Alchimie, con la collaborazione del Centro interuniversitario di innovazione didattica (CIID) e del centro Canali Creativi, la scuola è coordinata da Ada Manfreda (presidente di Espéro). Responsabile scientifico è il prof Salvatore Colazzo.

Le giornate della Summer School saranno dense di eventi, fra laboratori, dibattiti e concerti, il tutto nell’ottica di coinvolgere le comunità locali su tematiche ambientali e sociali che riguardano da vicino il territorio. In particolare, per San Cesario si rifletterà su possibili interventi che sottraggano all’abbandono le Distillerie De Giorgi e altri luoghi del paese; mentre per Ortelle e Vignacastrisi si lavorerà sul favorire la conoscenza del Parco OtrantoSanta Maria di Leuca, in cui questi Comuni ricadono. Inoltre, la scuola vuole essere un ponte fra realtà lontane geograficamente (come, appunto, San Cesario da un lato, Ortelle e Vignacastrisi dall’altro) che possono però essere avvicinate attraverso l’arte.

Un momento di una passata edizione della Summer School

L’inaugurazione della scuola è a San Cesario, nella mattinata di sabato 1 settembre: qui, alle 9.30 ci sarà il raduno in piazza Garibaldi, con la presenza di rappresentanti dell’Amministrazione comunale di San Cesario e di Vignacastrisi. A seguire, laboratorio di body percussion e corteo che porterà alle Distillerie De Giorgi, dove nel corso delle giornate si terranno diversi eventi, a cominciare dal laboratorio di digital storytelling (già dal pomeriggio di sabato 1).

Domenica 2 settembre ci si sposta a Vignacastrisi: alle 10 c’è il raduno dei partecipanti in largo Montebianco, da dove si partirà per raggiungere il Centro Ambientale Canali. Qui, alle 10,30 si terrà la tavola rotonda “Peculiarità del territorio, valorizzazione del paesaggio e sviluppo autosostenibile”, con associazioni, giovani e amministratori; mentre alle 15,30 spazio all’anteprima del progetto “Idrusa” sul paesaggio del Parco Otranto-Leuca. Il programma della giornata continua alle 17, con una passeggiata lungo il Canalone che dal Centro Canali conduce al porticciolo di Castro: durante il percorso i partecipanti, guidati dall’artista Simone Franco, raccoglieranno dei materiali litici che serviranno poi per creare un’installazione collettiva. In serata si rientra a Vignacastrisi, dove in piazza Umberto I (dalle 20,30) c’è il concerto dell’ensemble “Tito Schipa”.

Nelle giornate del 3, 4 e 5 settembre la Summer School sarà stabilmente a San Cesario di Lecce: protagoniste le Distillerie De Giorgi, dove proseguirà il laboratorio sul digital storytelling e si parlerà del ruolo delle stesse Distillerie nell’archeologia industriale del Salento.

Due feste di chiusura: una a San Cesario, l’altra a Ortelle – Venerdì 7 settembre, a San Cesario, giornata di prove generali in vista della performance conclusiva, in programma alle 20,30 in piazza Garibaldi. Per Ortelle, invece, l’ultimo giorno della scuola è sabato 8: si comincia in mattinata con il raduno dei partecipanti in piazza San Giorgio (ore 9,30), prima del seminario “Paesaggi sonori” (alle 10); mentre nel pomeriggio (dalle 16) si terranno laboratori e momenti di confronto sui risultati del lavoro svolto, prima di ritrovarsi in serata (alle 20,30) per il concerto dell’ensemble “Comunità Creativa” (diretto dal maestro Martino Pezzolla) e la festa comunitaria con degustazione di prodotti tipici (alle 22).

 

 

Commenta la notizia!