Vie chiuse, vie aperte e pericolose

allagamenti via supersano - casarano  (1)

CASARANO. La viabilità urbana ed extraurbana di Casarano è sempre alle prese con le difficoltà imposte dai lavori in corso sulla strada provinciale per Maglie. Malgrado la recente riapertura della carreggiata nei pressi della Masseria Grande, in molti, tra auto, pullman e camion, preferiscono raggiungere Maglie dalla provinciale per Supersano finendo con l’intasare il già caotico viale De Matteis, la vecchia circonvallazione ad est della città.

Il problema va avanti da circa un mese e non si intravede ancora la soluzione definitiva che potrà solo arrivare con la chiusura del cantiere posto a ridosso della stessa Masseria Grande al centro, però, di inchieste di carattere amministrativo e penale che non promettono nulla di buono. Per gli automobilisiti di Casarano, dunque, i disagi sono destinati a proseguire, tanto più che viale De Matteis non è che goda di buona salute: la sede stradale è in cattivo stato, non sono presenti i marciapiedi (alcuni anni fa ci fu anche un incidente mortale) e basta un temporale (molto meno, di quanto accaduto lo scorso 7 ottobre) per portare alla chiusura della strada, regolarmente allagata nei pressi della Fondazione Filograna.

Problemi di allagamento anche nel tratto urbano della via per Supersano, densamente abitato ed alle prese, da sempre, con il vasto laghetto che viene a crearsi ad ogni scroscio di pioggia.

Intanto, nella vicina Provinciale per Ruffano, in attesa dell’installazione del previsto autovelox, nei giorni scorsi si è verificato un altro pericoloso “fuoripista” frutto dello scontro, sempre nei pressi di contrada Manfio, tra un Suv Toyota e una Polo Volkswagen. In due hanno dovuto fare ricorso alle cure dell’ospedale anche se nessuno ha riportato gravi conseguenze.

L’episodio riporta all’attenzione, se mai ve ne fosse bisogno, la pericolosità della strada dove negli ultimi dodici anni hanno perso la vita ben sei persone (l’ultima in ordine di tempo Pasquale Paradisi il 6 gennaio del 2011) ed infiniti sono stati gli incidenti.

Commenta la notizia!