Un premio per Andrea Ventura, studioso a Ginevra

andrea.ventura - sannicola

SANNICOLA. Ancora un riconoscimento per Andrea Ventura, il ricercatore del dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università del Salento borsista presso il Cern di Ginevra, l’istituto dove è stato scoperto il “Bosone di Higgs”, ovvero la “Particella di Dio”. Il docente è stato premiato nel corso terza edizione del “Premio di eccellenza” finanziato dalla “Banca popolare pugliese” e consegnato dall’Ateneo salentino ai cinque migliori studiosi dell’UniSalento.

Il premio alla “produttività scientifica” viene assegnato per promuovere e stimolare la competizione tra i ricercatori. La giuria analizza, infatti, il loro operato con cadenza biennale sulla base della qualità e dell’ampiezza delle loro pubblicazioni. «Per fare ricerca sulle alte energie bisogna necessariamente spostarsi nei laboratori internazionali quali il Cern ed il Fermilab di Chicago anche se l’analisi dei dati viene poi diffusa dalla facoltà in cui si lavora», afferma Ventura.

Sulle motivazioni che spingono a tanto lavoro afferma: «È la conoscenza pura che tenta di rispondere alle domande primordiali dell’uomo. A 22 anni vinsi un viaggio premio al laboratorio nazionale di Frascati. Fu come essere fulminato sulla via di Damasco, capii che quella era la mia strada: indagare su come è fatto e come funziona l’Universo».

Commenta la notizia!