Ugento, altro attentato: potrebbe essere la questione-Parco

Parco-Litorale-di-UgentoUGENTO. Che sia una intimidazione non ci sono dubbi, così come lo sono state quelle contro l’assessore Oronzo Calabrese e il responsabile dei servizi museali comunali Paolo Schiavano risalenti a poco tempo fa. Sotto tiro potrebbe essere questa volta il consigliere comunale Maria Venere Grasso (foto), avvocato, presidente della terza commissione consiliare, quella che tra l’altro si occupa del parco “Litorale di Ugento”.  Ignoti hanno buttato di notte una bottiglia molotov nel giardino del fratello del consigliere, che confina con lo studio di avvocato della donna.

Ciro Grasso è imprenditore  ed è titolare dell’azienda “Gradim giochi”. Sia Maria Venere Grasso sia il fratello hanno dichiarato di non aver mai ricevuto minacce e pressioni. Il ruolo che l’avvocato ha in seno alla commissione consiliare sposta l’attenzione sul parco, in particolare sul piano che prevede la chiusura della litoranea, la cancellazione dei parcheggi “spontanei” sul mare e la realizzazione di due grandi aree di sosta pubblica.  Proprio nella terza commissione è stato discusso il progetto  con politici, associazioni e soggetti interessati. Anche per quanto riguarda gli attentati a Calabrese e Schiavano le indagini si muovono intorno alla pista del Parco (su questi indaga la Mobile di Lecce).

Commenta la notizia!