Tuglie, festa di tradizione

COMITATO MADONNA DEL CARMINE TUGLIETUGLIE. Devozione e tradizione anche quest’anno, a Tuglie, per i festeggiamenti religiosi e civili in onore della Madonna del Carmine. Un appuntamento irrinunciabile non solo per la comunità cittadina, ma anche per tanti turisti e per quanti, per vari motivi, hanno lasciato la terra natia e ritornano per le vacanze estive. «La celebrazione della Madonna del Carmine – afferma il parroco don Emanuele Pasanisi – come ogni festa mariana, ci riporta a non sentirci orfani, ci fa scoprire la presenza della mamma. Siamo invitati a vivere un momento di autentica fede ed emozione con l’intenso programma dei festeggiamenti religiosi, riscoprendo la bellezza del sentirci figli amati dalla Madonna». Ad organizzare i festeggiamenti civili, invece, il comitato festa presieduto da Claudio Antonaci.

«Quest’anno – afferma il presidente – insieme ad un rinnovato gruppo di persone abbiamo curato l’organizzazione dei festeggiamenti civili. Quanti sono stati vicini nella fase di preparazione, ben conoscono le difficoltà e i sacrifici richiesti per allestire la festa. Tuttavia, l’entusiasmo e la fede che ci hanno accompagnati in questo percorso hanno permesso di proseguire una tradizione le cui radici affondano saldamente nella storia e nell’anima di tutti noi tugliesi».

I festeggiamenti religiosi hanno inizio il 12 luglio e raggiungono il clou il 16 quando, dopo la messa delle 19.30, per le strade del paese si snoda la processione con la statua della Madonna e i bambini vestiti da angioletti. Ad accompagnare il corteo il concerto bandistico Città di Taviano mentre, subito dopo ad esibirsi è il cantautore tugliese Mino De Santis che apre i festeggiamenti civili. Alle 9 del mattino, invece, si inaugura ufficialmente il mercatino organizzato dalle Carmelitane. La festa di conclude, giovedì 17 luglio, con l’accensione delle luminarie Micolani e l’esibizione del concerto bandistico Città di Francavilla Fontana, diretto dal maestro Ermir Krantja.

Commenta la notizia!