Tuglie, due in corsa per una poltrona

TUGLIE. Entra nel vivo la competizione elettorale in vista delle amministrative del 25 maggio. A contendersi la poltrona di Primo cittadino saranno Massimo Stamerra, a capo della lista civica “Insieme per Tuglie”, e Antonio Vincenti per la lista “Bene Comune”. Daniele Ria, sindaco dal 2004 e in Giunta per quasi 30 anni consecutivi, ha scelto di non candidarsi, neppure come consigliere. Al suo posto potrebbe esserci Massimo Stamerra oppure Antonio Vincenti. Il primo è vicesindaco e assessore allo Sport da diciannove anni, prima con Antonio Gabellone e poi con Daniele Ria. Antonio Vincenti, invece, ambisce alla fascia di Primo cittadino dopo un’intensa attività di opposizione in Consiglio comunale.

A supporto del primo candidato c’è la lista civica “Insieme per Tuglie”, espressione del centrodestra, che schiera la giunta uscente al gran completo con Antonio Aloisi, Luigi Barone e Salvatore Selce. Pezzo forte della civica, la candidatura di Antonio Gabellone, ex sindaco del paese e attuale presidente della provincia nonché coordinatore provinciale di Forza Italia. Tra i consiglieri uscenti si ricandidano Filippo Calò, Lucio Nicoletti e Silvia Romano. Tra le nuove leve Chiara Boellis, Massimo Mottura, Francesca Solida, Ugo Perrone e Anna Marinella Chezza. La società civile si unisce al centrosinistra tugliese e ad alcuni esponenti vicini al “Movimento 5 Stelle” formando la lista civica “Bene Comune”.

A spiccare come candidature è indubbiamente quella di Stefania Erroi (figlia dell’ex senatore Bruno Erroi), con un passato da assessore (allora ventisettenne), che ritorna sulla scena politica cittadina dopo vent’anni. Della minoranza uscente figurano in lista l’avvocato Isidoro Bernardi, il farmacista Giovanni Petruzzi ed il candidato sindaco di cinque anni fa Giuseppe Pisanello. I nuovi candidati sono Angelo Chimienti e Salvatore Clarizia, vicini al “Movimento 5 Stelle”, Evelyn Calò, Mirella Falco e Cosimo Nicoletti. A supportare la lista anche la candidatura di Alessandra Moscatello (moglie di Antonio Fasano, attuale segretario cittadino del Pd) e quella di Alessandro Vigna, segretario locale di Rifondazione comunista. Se l’avvocato Tonino Tedesco, dopo un’esperienza trentennale, è il grande assente di questa competizione elettorale, decide di scendere nuovamente in campo, dopo la prima candidatura di dieci anni fa, Leonilda Marzano.

 

 

Commenta la notizia!