Uno specchietto con la truffa Ma non riesce

di -
0 658

Parabita. Dal Brindisino ad Alezio per far danni. Prende piede anche nei nostri centri la truffa (già in voga altrove) di simulare il danneggiamento dello specchietto dell’automobile per richiedere un pronto risarcimento al malcapitato di turno.

Stava per accadere pochi giorni fa anche ad una donna di Parabita che si è vista bloccare per strada da una coppia di Oria, mentre percorreva, alla guida della propria utilitaria, via Santa Lucia ad Alezio. I due truffatori (43 anni lui, 42 lei) hanno accusato la donna di aver incautamente danneggiato la loro Mercedes classe A (di color grigio chiaro) danneggiando proprio lo specchietto. La questione avrebbe potuto considerarsi chiusa con una banconota da 100 euro. Per rendere più credibile l’ipotetico danno, la coppia ha anche provveduto a rigare la fiancata dell’auto della donna la quale, però, non è caduta nel tranello e, dopo aver contattato telefonicamente il marito, si è opposta alla richiesta.

Ma è andata anche oltre appuntandosi la sigla della Mercedes e denunciando l’accaduto ai carabinieri di Alezio che sono facilmente risaliti al proprietrio dell’auto, ovvero un pregiudicato di Oria.

Alcuni mesi fa un fatto simile, con protagonista sempre una Mercedes color grigio, si era verificato a Gallipoli ai danni di un’altra signora che aveva segnalato il fatto su Facebook per mettere in preallarme altre potenziali vittime della coppia che ora dovrà rispondere di simulazione di reato, danneggiamento di autovettura e tentata truffa in concorso.

Commenta la notizia!