Tricase – Si chiude oggi, domenica 9 settembre, la 15esima edizione del Salento International Film Festival, che sin dal primo del mese ha portato in città uno sguardo dal mondo, fra proiezioni di pellicole indipendenti, mostre e dibattiti.

Ospite il ministro della Cultura d’Armenia, per la prima volta in Italia – Dopo la festa swing che ha fatto rivivere le atmosfere dell’America anni ’30 e l’Hong Kong Business Meeting di giovedì 6, che ha rappresentato una vetrina per aziende e imprenditori salentini desiderosi di aprirsi alle possibilità offerte dai mercati orientali, nell’ultima giornata del festival ancora un evento dal respiro internazionale: domenica 9 settembre in piazza Pisanelli, alle ore 20,30, per la cerimonia di premiazione dei film in gara arriva Lilit Makunts, ministro della Cultura della Repubblica d’Armenia, alla sua prima visita ufficiale in Italia. La presenza del ministro è legata alla venuta dell’ensamble di 31 musicisti della Naregatsi Folk Orchestra (anche loro per la prima volta in Italia), che dopo la cerimonia di premiazione saliranno sul palco per un concerto di musica tradizionale armena. Presenti per l’occasione anche l’ambasciatrice straordinaria e plenipotenziaria della Repubblica d’Armenia in Italia Victoria Bagdassarian, e il console Aghvan Ayvazyan. L’ingresso all’evento è libero, posti a sedere fino a esaurimento.

Prosegue la mostra “Cinema & arte visiva” – Nella sala stucchi di Palazzo Gallone resterà aperta al pubblico fino al 15 settembre la mostra fotografica “Cinema & arte visiva”, inaugurata venerdì 31 agosto e inserita nel programma del festival. In esposizione opere di Vivien Liu, fotografa e architetto di Hong Kong; Sergio Premoli, che fra le altre cose ha creato il poster per il film “The Doors” di Oliver Stone; e Domenico Giglio, che indaga il tema del “Fine pena mai”.

Pubblicità

Commenta la notizia!