Partirà questo Tram?

by -
0 950

Piazza San Martino, Taviano. Foto di Emiliano Picciolo

Taviano. Si torna a parlare, questa volta a Taviano e per iniziativa di pezzi della società civile attiva, di Tram, l’auspicata fusione di quattro Comuni in uno soltanto, policentrico naturalmente.

All’incontro, dal titolo: “Il percorso intelligente verso la città nuova”, promosso dall’associazione culturale “La Piazza” di Taviano e da “Diversi per passione” di Racale, e che si terrà presso il palazzo Marchesale con inizio alle 18:30 di sabato 22, parteciperanno anche l’on. Lorenzo Ria e il prof. Ennio Ciriolo, oltre all’avv. Antonio Pasca e al dott. Danilo Coronese, in rappresentanza delle associazioni.

Di fusione dei quattro comuni (Taviano, Racale, Alliste e Melissano, si parla da tanto tempo, con alti e bassi certo, ma negli ultimi mesi l’argomento è ritornato di moda.

L’associazione “La Piazza” ha spesso pubblicato sul proprio periodico articoli, pensieri, commenti riguardanti l’Unione dei Comuni (l’ente nato nel 1999), chiedendone lo scioglimento per passare ad un progetto diverso, più coerente, meglio comprensibile, cioè la fusione dei quattro comuni.

A tal proposito, torna attuale quanto scritto da Rosario Casto, su “L’Altra Voce”, nel 2000, che a proposito dell’Unione dei Comuni e della sua gestione, annunciava il “tradimento di un’idea, di un sentimento, di una storia”.

Oggi, invece, si parla di ben altro. La fusione dei quattro comuni proposta è ben altro, considerato che si andrebbe a creare un unico Comune di circa 38.000 abitanti, che risulterebbe per popolazione il secondo in Provincia.

«L’intento è quello di sensibilizzare i cittadini e istituzioni – afferma Antonio Pasca – su quella che oggi più che mai appare una vera e propria necessità storica: riunire sotto un unico campanile le comunità dei territori di Taviano, Melissano, Racale, Alliste e Felline e poter così, in un quadro di intese, raggiungere obiettivi fino ad oggi impensati. Partire dalla cultura, quindi, per cambiare le sorti vere del territorio».

Analogo il pensiero dell’on. Lorenzo Ria, che ha accolto con entusiasmo l’invito dei promotori dell’incontro: «Ho sempre creduto nella possibilità di una unione reale dei Comuni di Taviano, Racale, Alliste e Melissano – afferma Ria – È necessario superare i campanilismi per guardare con maggiore logica e in maniera più completa ad un processo concreto di riduzione dei costi e di miglioramento dei servizi».

«Già in passato, nei primissimi anni 90 – ricorda il parlamentare tavianese – si parlava di un processo di unione tra comuni, ma non se ne fece nulla. Ora, invece, l’argomento è tornato attuale anche grazie alla nuova normativa prevista dalla manovra finanziaria del Governo, che prevede la fusione tra comuni piccolissimi, inferiori cioè ai mille abitanti. I comuni di Taviano, Racale, Alliste e Melissano sono già molto uniti, e non solo territorialmente. Ma ancora, soprattutto nelle assemblee rappresentative, non è emersa la volontà di tracciare un percorso serio che porti a questa unione».

Carlo Pasca

Commenta la notizia!