Torre Suda, tegole rosse per occultare l’eroina e pistole

Racale.inddGianluca SpiriTORRE SUDA. Nascondeva in casa droga e armi. Già conosciuto alle forze dell’ordine per reati sempre legati ad armi e traffico di droga, Gianluca Spiri (foto), 40 anni, è stato arrestato qualche giorno fa nella sua casa di Torre Suda. Una prima perquisizione in casa aveva permesso  ai  carabinieri della stazione di Racale e dai colleghi del Norm della compagnia di Casarano di trovare otto boccette di metadone, circa 33 grammi di mannite (sostanza da taglio), un coltello con residui di stupefacente e due forbici, due nastri da imballaggio, uno di colore marrone e l’altro trasparente, vari ritagli di buste. L’ispezione dei carabinieri non si è fermata qui. Usciti nel giardino retrostante si sono accorti della posizione di un tavolo in plastica e di una scala in alluminio  addossati al muro. Ad allertare maggiormente gli agenti delle forze dell’ordine una serie di impronte che li hanno portati dritti dritti a scoprire un ripostigluio sottotetto ben coperto da tegole. Ancora droga e anche armi. In particolare  679 grammi di eroina, suddivisa in più involucri e poi armi: un fucile monocanna calibro 12, con calciolo e canna mozzati e con matricola abrasa, una bascula per doppietta con calciolo mozzato con canna calibro 12; una pistola scacciacani calibro 7.65 con matricola abrasa completa di caricatore e 5 colpi, una pistola scacciacani starter calibro 8; una pistola di fabbricazione spagnola calibro 6.35 completa di caricatore e dodici colpi, nonché 20 proiettili di vario calibro (tra cui 7.65, 12 e 22).
Tutto il materiale (foto) è stato sequestrato e Gianluca Spiri è stato accompagnato in carcere. I carabinieri continuano a indagare.

Commenta la notizia!