Tempo di scoprire il sapore delle foje

foja-ndurante-o-ciolo-crepis-rubra(1)Taviano. Esploriamo mangiando! Questo l’invito del naturalista ed esperto ambientale Roberto Gennaio, di Taviano, un invito dal sapore rigorosamente salentino.  Le associazioni di promozione turistica “Custodi del Salento” e  “Salento gelsi”  organizzano il 6 dicembre, presso il Museo della civiltà contadina nel palazzo ducale  a  Tuglie il seminario di etnobotanica “La conoscenza e la conservazione della biodiversità vegetale attraverso la (ri)scoperta delle piante spontanee eduli del Salento.

«Le piante alimurgiche, da alimenta urgentia, ossia alimentazione per necessità – spiega l’esperto Gennaio – sono legate alle tradizioni e alla cultura locale. Il loro riconoscimento e i periodi di raccolta sono ormai di esclusivo appannaggio delle persone anziane. Un patrimonio culturale non scritto, trasmesso oralmente da padre in figlio»  E conclude «Il  sapere si acquisiva  in campo, guardando le foglie, la loro disposizione, stropicciandole per sentirne anche il profumo in modo da  riconoscere le specie eduli. Molte di queste piante venivano utilizzate anche nella farmacopea popolare per lenire e curare diverse malattie, con la preparazione di pomate, decotti e infusi». Al termine del seminario, è prevista la degustazione di alcuni piatti realizzati  con queste erbe eduli spontanee.

Commenta la notizia!